Utente 110XXX
Salve... sono una ragazza di 22anni che da circa un paio di anni accusa un fenomeno di caduta eccessiva di capelli.... e anche se a vista di tutti i miei capelli sono normali sono abbastanza sicura che il loro diametro si sia drasticamente ridotto.. e li percepisco sempre meno voluminosi... premetto inoltre che in famiglia nessuno soffre di alopecia di alcun tipo.. ho già fatto varie visite specialistiche con dei dermatologi che mi hanno liquidata molto superficialmente a mio avviso prescrivendo degli integratori... vi riassumo la situazione generale... ho sempre sofferto di carenza di ferro curata periodicamente... ho fatto uso per 4anni della pillola yasminelle per risolvere il problema di flusso abbondante e per contraccezione.. Da un paio di anni ho rilevato la presenza di una leggera iperprolattinemia inizialmente banalizzata dalla ginecologa e purtroppo indagata solo recentemente con la scoperta di un adenoma ipofisario che inizierò a breve a curare... a tutto questo aggiungo di aver sospeso la pillola da circa 3mesi e nessun segno di ciclo... probabilmente nn tornerà per via della prolattina... così ha detto la ginecologa... e a metà anno ho intrapreso una dieta abbastanza drastica perdendo 5 o 6 kili in un mese... ora sono stazionaria però da diverso tempo.. se infarcisco tutto ciò della relativa ansia per la caduta potrete chiedervi come mai ancora abbia in testa dei capelli.... pur cosciente che nn è una situazione favorevole al cuoio capelluto... vorrei gentilmente sapere se qualora le cause elencate qui sopra possano aver causato il diradamento... la ricrescita dei capelli sia compromessa per sempre o posso tornare ad avere la chioma di un tempo..... cordiali saluti...

[#1] dopo  
Dr. Davide Brunelli

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
4% attualità
16% socialità
CESENA (FC)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2000
Gentile ragazza,
Sono desolato del fatto che i dermatologi abbiano fanno una visita superficiale: hanno utilizzato il dermatoscopio? Perché se lo hanno fatto probabilmente hanno giudicato la situazione non grave e quindi le hanno prescritto un trattamento proporzionato a quello che hanno visto. Certo, non avessero dovuto aver utilizzato il dermatoscopio, probabilmente farei anch'io fatica a giudicarla una visita approfondita e le suggerirei a questo punto un ulteriore consulto con un esperto. Per quanto il suo racconto possa risultare particolareggiato mi é personalmente impossibile poterle dare suggerimenti in mancanza di una diagnosi clinica. Potrebbe trattarsi di un telogen effluvium, di una alopecia androgenetica, di una aerata incognita... Sono tantissime le condizioni di alopecia, per affrontarle é indispensabile partire da una diagnosi.
Cordialissimi saluti
Dott. Davide Brunelli
Dirigente Medico Unità Operativa Dermatologia
Ospedale M.Bufalini - Cesena