Utente 211XXX
Gentili dottori,

Sono un ragazzo di 34 anni, sportivo e non ho mai sofferto di alcun problema di salute. Sono un donatore regolare di sangue da anni.
Per un piccolo bruciore alla prostata, il mio medico mi aveva chiesto di fare una ecografia nella quale si è evidenziato l'ingrossamento della milza e la presenza di una nodulo e altri noduli di poca importanza, definiti congeniti, al fegato.
Dopo la visita Ematologica, mi sono stati richiesti una Risonanza Magnetica e analisi varie al sangue, tra cui la presenza di patologie e infezioni, e l'esame del sangue periferico... La Risonanza Magnetica con e senza contrasto, non aveva evidenziato la lesione, il nodulo visto nell'ecografia precedente. Così, mi hanno convocato dal reparto di radiologia e mi hanno sottoposto a una ecografia con mezzo di contrasto, durante la quale la dottoressa, ha confermato, la splenomegalia (15 cm dimensioni milza mentre nella prima ecografia 13,5 cm), l'angioma di dimensioni 2,5 cm alla milza, e la presenza degli angiomi al fegato, e ha consigliato di ripetere l'esame a distanza di un anno. Questa diagnosi sommata agli esiti dei diversi esami del sangue hanno escluso tutte le possibili cause. Pero per essere sicuri al cento per cento, mi hanno sottomesso la settimana scorsa al prelievo di midollo, campione che è stato inviato a Bologna (A.B.S.T.E.) e di cui oggi nel reparto di Ematologia, dove sono andato per la medicazione, mi hanno dato l'esito di una parte, che confermava l'assenza di anomalie. Da quello che mi ha detto L'Ematologo manca ancora la parte di analisi con colori che saranno pronte la settimana prossima. Comunque mi ha avvertito che tra tre mesi dovrò rifare la ecografia e se la milza sarà ancora più grande si dovrà asportare.
Insomma, non si conosce la causa. Pertanto chiedo a Voi se qualcuno avrebbe un'altra opinione su cosa può essere l'origine di questo ingrossamento?
Devo solo dire che dalle analisi del sangue ho scoperto che ho avuto in passato la mononucleosi e il citomegalovirus, penso sia stato 4 anni fa. Inoltre sono vaccinato contro epatite e ho fatto altri richiami due anni fa.

Vi ringrazio anticipatamente
Pietro
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Difficile potersi orientare on-line riguardo al suo quesito,
poichè sono numerosissime le cause che possono portare a splenomegalia,
e la mononucleosi è fra queste.

Vorrei aggiungerle che la sua
è una splenomegalia lieve -moderata (severa lo è quando >20 cm.)
e che l'indicazione alla splenectomia si pone, in genere, solo per elevate dimensioni e/o complicanze associate; pertanto l'ndicazione chirurgica va ben ponderata.

Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 211XXX

Iscritto dal 2011
Gentilissimo Dottore,

Dopo aver fatto tutte le analisi, prelievo midollo... Con risultati negativi, mi è stato consigliato di ripetere la Ecografia e delle analisi di sangue a distanza di tre mesi.

Ieri sera mi è venuto in mente di fare una ricerca su internet per un dubbio che ho avuto sulla relazione tra Splenomegalia e reumatismo. Mi sono ricordato che la reazione della milza è legata con infiammazioni e infezioni che affettano il corpo. E come immaginavo la Sindrome di Felty o qualcosa di simile può essere la causa della mia Splenomegalia.

Io ho soffro di artrite ai piedi, che ogni anno mi si ripresenta in presenza di umidità e freddo. Purtroppo in montagna una volta ho dovuto stare con i piedi in condizioni di umidità per tutta la notte che la mattina il medico che mi ha visitato mi ha detto rischiavo di vedermi amputare le dita. Inoltre quest'anno ho avuto dolori alle articolazioni delle mani.

Secondo lei tutto questo può avere senso e relazione?

Grazie
[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
La patologia che riferisce annovera la Splenomegalia,
resta però da vedere se lei ne è affetto,
dovrà dirlo il suo reumatologo.

Cordialmente