Utente 696XXX
Salve .
Sono un uomo di 30 anni , ho avuto da circa 10 giorni una parziale rottura del frenulo durante un rapporto con la mia compagna .
Premesso che prima di ciò non ho mai avuto alcun problema di natura sessuale o urologica, dopo una visita chirurgica sono stato "rimandato" a settembre per un eventuale nuova visita in attesa della quale sono stato invitato ad osservare alcuni giorni di astinenza sessuale , senza nessun altro intervento di alcun genere .
Ora i miei problemi sono questi :
- difficoltà nello "scappucciamento" del pene , come se la pelle nella parte superiore fosse leggermente gonfia e meno disposta a tirarsi indietro
- una leggera curvatura del pene verso destra
- problemi nel raggiungere un'erezione sufficiente

E' possibile che tutto questo dipenda dalla semplice rottura parziale del frenulo ?
In particolare riguardo il discorso dell'erezione , può essa aver causato un problema di afflusso di sangue ? o può magari esserci un discorso psicologico da considerare ?

Grazie in anticipo ,
distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
direi che in questo momento il Suo problema sia la lacerazione post-traumatica (molto frequente dopo rapporti sessuali) del frenulo (o filetto).
Questa lesione non guarirà mai in maniera spontanea, anche se apparentemente sembrerà rimarginarsi. Non appena Lei avrà nuovi rapporti sessuali o manipolazioni dell'organo, il problema si ripresenterà inevitabilmente.
Cosa fare? Semplice: conferma diagnostica attraverso una visita da uno specialista di Sua fiducia e piccolo ma non banale intervento di plastica del frenulo (ambulatoriale ed in anestesia locale). In questo modo il problema è risolto per sempre.
Gli altri segni o sintomi che Lei descrive molto probabilmente erano latenti e meritano come ovvio una giusta futura attenzione con la massima tranquillità. Un problema alla volta.
Affettuosi auguri per tutto e un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO