Utente 279XXX
Vorrei sottoporre al vostro giudizio il mio ultimo esame audiometrico.
( Il primo risale al 2006,anno in cui ho incominciato a sentire gli acufeni all'orecchio sinistro)

orecchio dx ipoacusia x i toni acuti neurosensoriale di grado medio
orecchio sn ipoacusia pantonale neurosensoriale di grado medio- grave

Attualmente ho una vita sociale non ottimale ma accettabile.
Le mie perplessità nascono da una eventuale protesi acustica.Mi è stato detto che non conviene rimandare molto.Vorrei chiedervi se ,con la suddetta diagnosi e con una vita sociale piuttosto buona, è il caso di prenderla in considerazione o posso ancora aspettare.Esiste un limite oltre il quale non conviene andare? GRAZIE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Gasparoni
40% attività
4% attualità
12% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Purtroppo l'esame audiometrico come da lei descritto, ed in particolare per l'orecchio destro,non descrive granchè. Per procedere verso la corretta valutazione è necessario vedere l'audiogramma (il grafico). Quando lei riferisce "..ipoacusia per i toni acuti di grado medio.." bisogna vedere quali frequenze sono effettivamente interessate ed in quale misura. In teoria l'orecchio che dovrebbe protesizzare è quello che darà maggiori aspettative di successo, e cioè l'orecchio destro (condizioni cliniche ed anatomiche permettendo). Si dovrà quindi procedere con una visita specialistica audiologica, esame audiometrico tonale, esame audiometrico vocale, esame impedenzometrico. Si valuteranno inoltre le aspettative del Paziente e la effettiva compromissione sociale dello stesso. Una volta fatto ciò potrà rivolgersi ad un centro audioprotesico che provvederà ad effettuare dei test audiometrici in campo libero con e senza protesi. Dopo di TUTTO ciò si potrà procedere con la protesizzazione.

La saluto cordialmente.
[#2] dopo  


dal 2013
Egregio dr Gasparoni,la ringrazio molto per aver risposto al mio quesisto.
Ho preso buona nota dei suoi consigli: Ora avrei bisogno di un chiarimento: Ero convinto, evidentemente sbagliando,che la protesi avrei dovuto metterla all'orecchio sinistro dal quale ci sento poco e non all'orecchio destro che al momento mi consente di sentire.Mi può spiegare il perchè? Grazie
[#3] dopo  
Dr. Carlo Gasparoni
40% attività
4% attualità
12% socialità
MONZA (MB)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
Lo scopo della protesizzazione acustica è il ripristino della funzione uditiva, in modo tale che il paziente non sia più compromesso socialmente. Detto questo, un orecchio (sinistro) come nel caso specifico che è affetto da una ipoacusia neurosensoriale pantonale, avrà scarsa capacità discriminatoria. Questo aspetto è valutabile attraverso un esame audiometrico vocale ed è dipendente anche dal "tempo" che l'orecchio si trova in queste condizioni. Per questi motivi l'orecchio destro è meglio sfruttabile e sarà l'orecchio da protesizzare. Ad ogni modo se l'esame audiometrico tonale e quello vocale dimostreranno che la capacità uditiva dell'orecchio destro è sostanzialmente sufficiente,ovvero dimostreranno che non ci sono "handicap" sociali (comunicazione verbale) la protesizzazione potrà essere posticipata.

La saluto cordialmente
[#4] dopo  


dal 2013
Grazie,dr Gasparoni,è stato chiarissimo.
Auguri di buon lavoro.