Utente 297XXX
Buonasera,
Volevo provare con la mia ragazza il sesso anale senza preservativo.
Premesso che siamo due individui sani, ho letto comunque dei rischi legati alle infezioni batteriche.
Volevo chiedervi quindi delucidazioni più chiare possibili di tutti i rischi legati alle infezioni batteriche per l'uomo.
Che tipo di infezioni si possono avere e qual'è la gravità?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

possiamo dire, tanto per cominciare, che il sesso anale può essere considerato un gioco sessuale, anche se non da tutti giudicato come una pratica "positiva" ma, se fatto con condivisione, può portare ad entrambi i partner un piacere non secondario od inferiore a quello raggiunto con un più convenzionale rapporto vaginale, con masturbazione od altro gioco sessuale.

Generalmente è sempre bene lubrificare l’ano prima della penetrazione perchè lo sfintere anale non gode di una sua lubrificazione come la vagina; solo quando la partner è pronta, si può iniziare la penetrazione vera e propria, stando sempre molto attenti a procedere in modo "non violento".

E' bene usare sempre il preservativo perché già lubrificato e per proteggersi da eventuali malattie sessualmente trasmissibili, naturalmente quando il partner non è ben conosciuto; infine è bene ricordarsi che il sesso anale non può essere considerato un metodo contraccettivo sicuro e che circa 10% delle coppie che praticano questo gioco sessuale, ogni anno, va incontro a gravidanze non desiderate.

Ancora è bene ricordarsi di non passare mai dalla penetrazione anale a quella vaginale con lo stesso preservativo; questo per evitare possibili infezioni vaginali e alle vie urinarie infatti l'ampolla rettale è un luogo ideale in cui possono proliferare batteri ed altri microrganismi facilmente trasmissibili in altri distretti anatomici.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 297XXX

Iscritto dal 2013
Buonasera Dott. Beretta,
La ringrazio prima di tutto per la risposta.
Diciamo che quello che vorrei sapere più che altro è a quali infezioni e malattie dovute ai batteri può rincorrere l'uomo non usando il preservativo, considerando che la partner non ha malattie del tipo AIDS, Epatite, ecc.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

vedo che non ha letto in modo attento e completo la risposta datale!

Vada all'ultima frase scritta e la rivolga alla questione da lei posta: "se la partner non ha malattie del tipo AIDS, Epatite, ecc.comunque sono sempre possibili infezioni alle vie urinarie e alle vie seminali; infatti deve sempre ricordarsi che l'ampolla rettale è un luogo ideale in cui possono essere presenti e proliferare numerosi batteri e diversi altri microrganismi, facilmente trasmissibili in altri distretti anatomici".

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 297XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno Dott. Beretta,
La ringrazio per la nuova risposta.
Avevo interpretato male la prima risposta, in quanto parlava di passaggio dall'ano alla vagina con lo stesso preservativo.
Quello che vorrei chiederle però è:
Quali sono le infezioni e le possibili malattie che può prendere l'uomo? Sa indicarmi nomi di infezioni e malattie? Le chiedo questo perchè vorrei sapere quanto siano gravi.
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

per elencarle tutte le possibili infezioni e malattie che lei può prendere, visto che sono numerosi i batteri e i microrganismi che popolano l'ampolla rettale, dovrei scriverle un piccolo trattato di microbiologia che forse poi lei non saprebbe neppure interpretare in modo adeguato e quindi sarebbe costretto ad iscriversi ad un corso di biologia o medicina e chirurgia (corsi oggi a numero chiuso) e poi seguire infine un corso di microbiologia... come vede il percorso da seguire è complesso.

Cordiali saluti.