Utente 612XXX
Salve,
mi chiamo Lorenzo ed ho 27 anni,
riepilogo in breve quanto mi è successo per poi arrivare alle domande finali:

NOTIZIE CLINICHE:BIOPSIA INCISIONALE LESIONE ULCERATIVA DEL III MEDIO-III POSTERIORE DEL BORDO LINGUALE DX

MACROSCOPICA:FRAMMENTO DI CM 0,5 X 0,5 X 0,3 (IN TOTO)

DIAGNOSI:CARCINOMA CELLULE SQUAMOSE

INTERVENTO ESEGUITO:
EXERESI DELLA NEOFORMAZIONE PER VIA TRANSORALE E SVUOTAMENTO SELETTIVO I-III DI DESTRA.
SI REPERTA UN LINFONODO A LIVELLO IIa DI DESTRA DI 2cm DI DIAMETRO MASSIMO CHE VIENE INVIATO PER ESAME ISTOLOGICO ESTEMPORANEO CON RISPOSTA NEGATIVA PER INFILTRAZIONE CANCERIGNA.
SI INVIANO ALTRESI I MARGINI DI RESEZIONE PER ESAME ISTOLOGICO ESTEMPORANEO ANCH'ESSI RISULTATI NEGATIVI.TUTTO IL MATERIALE PRELEVATO VIENE INVIATO PER ESAME ISTOLOGICO DEFINITIVO.

Le mie domande sono:

-MI DEVO ASPETTARE SORPRESE DALL'ESAME ISTOLOGICO DEFINITIVO?

-LA PROSSIMA SETTIMANA HO UN CONSULTO CON I RADIOTERAPISTI...UN VOSTRO PARERE SE TUTTO VERRA' CONFERMATO?

-UN VOSTRO PARERE SE POSSO STARE UN PO' TRANQULLO PER IL FUTURO...

HO SCRITTO TUTTO IN BREVE PER NON FARVI PERDERE TROPPO TEMPO...PERO' MI SEMBRA TUTTO CHIARO.


GRAZIE
[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Grazie per la sua brevità, che, ahimè, mi sembra però proporzionata alla sua serenità.
In questi casi consiglio sempre una navigazione a vista, nel senso che conviene attendere l'esame istologico definitivo; ad una prima analisi sembra una neoplasia di piccole dimensioni limitata (pT1) e pertanto facilmente curabile in via definitiva.

Ci tenga informati.
[#2] dopo  
Dr. Gianluca Mortellaro
24% attività
8% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la chirurgia e/o la radioterapia rappresentano lo standard di cura per tumori di questo tipo diagnosticati in un "early stage" cioè in uno stadio precoce. Il tipo di trattamento viene principalmente deciso sulla base della stadiazione definitiva della malattia che fa riferimento alle dimensioni della lesione primaria (T), al coinvolgimento linfonodale (N) ed alla presenza di metastasi a distanza (M). Da quel poco che lei scrive mi sembrerebbe un tumore in uno stadio T1 (dimensioni della lesioe linguale inferiori ai 2cm) N0 (assenza di coinvolgimento linfonodale) M0 (assenza di metastasi a distanza). Se l'esame istologico definitivo confermasse questa stadiazione (T1 N0 M0) lei dovrebbe solo effettuare dei controlli periodici nel tempo, se invece dovessero essere presenti dei fattori di rischio come margini di resezione positivi, invasione linfonodale extracapsulare, invasione perinuerale leioni superiori ai 2 cm etc, allora si potrebbe prendere in considerazione la possibilità di effettuare la radioterapia post-operatoria associata o meno alla chemioterapia.
Spero di essere stato chiaro rimango comunque a sua completa disposizione.
Salve
[#3] dopo  
Utente 612XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio per la cortese e veloce risposta,venerdi ho una visita di controllo e la risposta istologica definitiva.
Nel frattempo vi chiedo un paio di cose:

-L'ESAME ISTOLOGICO ESTEMPORANEO IN PERCENTUALE QUANTO PUO' ESSERE AFFIDABILE?

-HO AVUTO (ED HO!!!) MOLTA PAURA DI QUESTA MALATTIA (CHI NON L'AVREBBE?) E VOLEVO SAPERE SE POTEVO FARE QUALCOSA PER VEDERE SE NEL RESTO DEL MIO CORPO VA TUTTO BENE (TOTAL BODY? O UNA COSA SIMILE CREDO SI CHIAMI...) PER TOGLIERMI TUTTI I PENSIERI CHE HO ADDOSSO...PRIMA DELL'OPERAZIONE HO EFFETTUATO TAC COLLO+OROFARINGE CON MDC NEGATIVA E RX TORACE OK...OPPURE POSSI STARE TRANQUILLO?
GRAZIE A TUTTI
CI RISENTIAMO APPENA HO LA RISPOSTA DEFINITIVA

LORENZO
[#4] dopo  
Dr. Gianluca Mortellaro
24% attività
8% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'iter che sta effettuando è corretto.
Quindi stia tranquillo.
Salve
[#5] dopo  
Utente 612XXX

Iscritto dal 2008
Gentili Dottori,

questa è la rispota definitiva all'esame istologico:

MATERIALE INVIATO:
A-NEOPLASIA LINGUALE
B-MUCOSA LINGUALE
C-LINFONODI

NOTIZIE CLINICHE:
NEOPLASIA BORDO DESTRO LINGUA

MACROSCOPICA:
A:FRAMMENTO MUCOSA LINGUALE DI CM 3,3 X 2 X 1,5. SI REPERTA AL TAGLIO AREA DISCROMICA DI CM CM 1,7 X 0,7.
1-5) PRELIEVI RAPPRESENTATIVI AREA DISCROMICA IN RAPPORTO CON LA PORZIONE ANTERIORE,PROFONDA,POSTERIORE. 6) PORZIONE ANTERO-SUPERIORE. 7)PORZIONE OPPOSTA ALL'ANTERO-SUPERIORE.

B:1) FRAMMENTO DI CM 0,6 X 0,4 X 0,3 (IN TOTO).

C:1-2) LINFONODI LIVELLO IA (3). 3)LINFONODI LIVELLO IB (3). 4)PRELIEVI RAPPRESENTATIVI DA GHIANDOLA SALIVARE DI CM 3,5 X 2 X 1 DEL LIVELLO IB. 5-8) TESSUTO FIBROADIPOSO DI CM 5 X 4 X 0,7 INCLUSO IN TOTO LIVELLO IIA (5). 9)LINFONODI LIVELLO IIB (4). 10-12) LINFONODI LIVELLO III (17).

DIAGNOSI:
A:CARCINOMA A CELLULE SQUAMOSE A MEDIO GRADO DI DIFFERENZIAZIONE. MASSIMO SPESSORE DI INFILTAZIONE CM 0,5.MARGINI NEGATIVI.

B:NESSUNA DOCUMENTABILE PROLIFERAZIONE NEOPLASTICA NEL FRAMMENTO IN ESAME.

C:INFILTRAZIONE CANCERIGNA DI UNA LINFOGHIANDOLA DEL LIVELLO IIB SENZA ESTENSIONE EXTRACAPSULARE.NESSUNA DOCUMENTABILE PROLIFERAZIONE NEOPLASTICA NELLE RESTANTI 31 LINFOGHIADOLE LATEROCERVICALI IN ESAME.IPERPLASIA LINFOGHIANDOLARE DI TIPO MISTO.NESSUNA DOCUMENTABILE PROLIFERAZIONE NEOPLASTICA NEL TESSUTO SALIVARE DI CUI AL N.4.





STAMANI MI E' STATO CONSEGNATO DAL DOTTORE CHE MI HA OPERATO E DA UN ALTRO DOTTORE CHE SAREBBE TIPO IL PRIMARIO...IL PRIMO ERA PIU' PROPENSO PER FARE LA RADIOTERAPIA VISTO LA GIOVANE ETA' (HO 27 ANNI) E ANCHE PERCHE' MIO PADRE E' DECEDUTO PER UN TUMORE HAI POLMONI (60 ANNI-FUMATORE ACCANITO)...IL SECONDO NON ERA DELLO STESSO PARERE,ERA PIU' PROPENSO A NON FARLA...COMUNQUE DOMANO HO UN CONSULTO DAI RADIOTERAPISTI E POI TUTTI INSIEME DECIDERANNO...INTANTO VORREI UN VOSTRO CONSULTO...


ALTRA DOMANDA...UNA SETTIMANA DOPO L'INTERVENTO MI HANNO LEVATO LA FASCIATURA AL COLLO E DALLA PARTE DOVE MI HANNO "APERTO" E' VENUTO FUORI UN'EMATOMA/EDEMA GONFIANDOSI,MI HANNO FATTO 2 ECOGRAFIE E MI HANNO DETTO CHE SI RIASSOBE DA SOLO.L'ULTIMA ECOGRAFIA DICE COSI':
A LIVELLO 2/3 SUPERIORI DELLA REGIONE LATERO-CERVICALE DX,MEDIALMENTE AI FASCI DEL M.STERNO-CLEIDOMASTOIDEO,E' PRESENTE UN'AMPIA RACCOLTA EMATICA OVALARE,DEI DIAMETRI DI MM.62X18 E DELL'ESTENSIONE LONGITUDINALE DI CIRCA MM.80,A STRUTTURA DISOMOGENEA,DI TIPO PREVALENTEMENTE ORGANIZZATO,CON LIMITATA COMPONENTE LIQUIDA A SEDE CAUDALE E PICCOLI DEPOSITI DI SALI DI CALCIO.
IL TESSUTO SOTTOCUTANEO E' DIFFUSAMENTE ISPESSITO PER INFARCIMENTO SIERO-EMATICO.
LIMITATA SOFFUSIONE EMATICA E' APPREZZABILE ANCHE TRA I FASCI MUSCOLARI.
ESITI DI ASPORTAZIONE CHIRURGICA DELLA GHIANDOLA SOTTO-MANDIBOLARE DX.
LA PAROTIDE DX,MODERAMENTE AUMENTATA DI DIMENSIONI,MOSTRA ASPETTO MARCATO DELLA TRAMA VASCOLARE,CON PRESENZA DI LINFONODI INTRA-PARENCHIMALI MODERAMENTE AUMENTATI DI DIMENSIONI (MM.10).
ALCUNI LINFONODI FLOGISTICI DI CIRCA MM.10 SI APPREZZANO IN SEDE LATERO-CERVICALE SX.
TIROIDE REGOLARE.

SECONDO VOI DEVO FARE QUALCHE ALTRO ESAME PER QUESTO EMATOMA O ANCHE SECONO VOI E' NORMALE E SI RIASORBE DA SOLO?

GRAZIE DI CUORE A TUTTI
[#6] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
FURCI SICULO (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
L'ematoma può essere un'evenienza possibile nel post-chirurgico, che tende a riassorbirsi solo.
Segua i consigli dei colleghi che la seguono, in quanto ben orientati.

PS: Non c'è alcuna correlazione tra la neoplaisa polmonare e il tumore della lingua.
[#7] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Caro utente,
Pur essendo motivo di discussione, uno stadio N1, per alcuni al limite per un trattamento adiuvante, cioè successivo all'intervento chirurgico, ci dobbiamo attenere alle indicazioni che hanno una evidenza scientifica. Il collega Mortellaro ha sapientemente dato qualche accenno ai fattori prognostici relativi alle indicazioni. Adesso abbiamo l'istologico completo: secondo le linee guida internazionali, infatti, in situazioni di unico linfonodo e assenza di extracapsularità e di negatività di margini infiltrati,come nel suo caso, NON c'è indicazione ad un trattamento radiochemioterapico di completamento. Quindi è necessario almeno uno di questi elementi per effettuare il trattamento. L'età non è un fattore determinante, da sola.
Relativamente all'ematoma ne parli con il chirugo che l'ha operato. Probabilemnte si riassorbirà nel tempo.
Cordiali Saluti
[#8] dopo  
Dr. Gianluca Mortellaro
24% attività
8% attualità
12% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
Caro utente,
il collega ed amico Dott. Alongi mi ha preceduto nella risposta e le ha perfettamente spiegato quale è la situazione ad oggi secondo le linee guida. io sono dello stesso identico parere. Cerchi di affrontare il tutto con maggiore serenità e si affidi ai colleghi che l'hanno in cura.
Salve
[#9] dopo  
Utente 612XXX

Iscritto dal 2008
Gentili Dottori,

volevo prima di tutto dirvi GRAZIE per queste consulenze.

Ieri ho fatto la visita dal radioterapista della struttura dell'ospedale di CAREGGI dove mi hanno operato.
Dopo aver visto tutti gli esami e tutti i dati dell'operazione è entrato in stanza e subito mi ha detto che avevo bisogno di fare una radioterapia a fasci esterni o una brachiterapia.
Io gli ho spiegato che il dottore-primario mi aveva detto che secondo lui "FRANCAMENTE NON NE VEDO IL MOTIVO DI FARLA...PRIMA DI FARLA CI PENSEREI NO 2 VOLTE MA 4...ANCHE PERCHE' E' UN'ARMA CHE SI PUO' USARE SOLO UNA VOLTA".
Il radioterapista mi ha risposto che il dottore-primario è un otorinolaringoiatra e non un radioteterapista (giustamente...).
Dopo questo breve dibattito mi ha detto di fare una RM MASSICCIO FACCIALE con MDC per vedere se tutto va bene e poi valuteranno il tutto insieme a chi mi ha operato e chiederanno un consulto anche a Milano (esite un centro di riferimento?).Anche Lui ha puntato molto sul fatto dell'eta.

Ora farò questa RM (anche questa cosa che mi devo cercare la struttura per farla...mi sono operato e fatto la consulenza della radio in quella struttura ospedaliera e poi mi dicono di sentire altri posti...va bè...) e poi andrò a sentire ANCHE un parere a Pisa attraverso mio cugino che mi ha detto (facendo il rappresentate di materiale per le sale operatorie) che conosce un bravo oncologo...

Visto sopratutto la grossa incertezza che regna:

-DOTTORE CHE MI HA OPERATO SAREBBE PER IL "SI" VISTO L'ETA' E L'ESPERIENZA DI MIO PADRE

-DOTTORE/PRIMARIO PER IL "NO"

-IL RADIOTERAPISTA CHE VUOLE CHIEDERE UN CONSULTO A MILANO (QUINDI FORSE NON E' COSI' CONVINTO DEL TUTTO M'IMMAGINO IO...) PERO' PROPENSO PER IL "SI" ANCHE PER LUI VISTO L'ETA' E VISTO LA COSA DI MIO PADRE

-IL DR ALONGI E IL DR MORTELLATO PER IL "NO" (VA BENE CHE E' UN CONSULTO VIA INTERNET MA LA RISPOSTA ISTOLOGICA E' LA STESSA CHE HANNO VISTO LORO ED ESSENDO ANCHE VOI RADIOTERAPISTI PRENDO IN CONSIDERAZIONE ANCHE IL VOSTRO PARERE...)


Io seguo i consigli di chi mi ha in cura ma visto che non riescono a trovare un comune punto d'accordo altri pareri penso siano utili.

GRAZIE ANCORA
[#10] dopo  
Utente 612XXX

Iscritto dal 2008
***PARTE DELLA DOMANDA SOPRATUTTO PER IL DR F.ALONGI VISTO CHE LAVORA A MILANO***

Gentili Dottori,

sono in attesa il prossimo mese di fare la una RM magnetica con MDC di controllo per poi decidere se fare o meno la RT,nel frattempo ho effettuato una visita presso uno specialista otorinolaringoiatra per le patologie del cavo orale a Livorno dove mi hanno consigliato di andare...Lui mi ha spiegato il fatto che ci sono anche linfonodi più profondi che vanno dalla lingua fino al collo che non si possono togliere e che nessuno può sapere se sono stati colpiti oppure no...nella lettera per il mio Dottore che mi ha operato di Firenze ha scritto:"Caro R......un CA di 0,5cm che da metastasi lo considererei "coltivo" come un melanoma e come tale lo tratterei,anche con radioterapia."
Per il DR. ALONGI volevo sapere (visto che molti mi parlano del centro di Milano ed ho una cugina che abita li,sentirei anche cosa ne pensano loro) se sapeva qual'è il centro di milano...mi hanno detto che ne esistono 2 ed uno è quello di Veronesi (ieo)...l'altro qual'e?dei 2 quale consiglia e come contattare il centro...


UN GRAZIE INFINITO
[#11] dopo  
Prof. Filippo Alongi
40% attività
16% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
In realtà a Milano ci almeno 10 centri di alto livello, non considerando l'interland. Comunque penso che nell'ambito oncologico due pilastri siano l'Istituto Nazionale dei Tumori di via Venezian e l'Istituto Europeo di Oncologia di via Ripamonti. Per la radioterapia, in realtà, il San Raffaele Possiede una delle più moderne apparecchiature, la tomoterapia, non presente in nessun altro istituto di carattere scientifico, in Lombardia.
Cordiali saluti
[#12] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Poichè l'amico Filippo Alongi è tropo modesto per autoreferenziarsi
mi permetto io di suggerirle il suo articolo che troverà su questo sito
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=31783
Cordiali saluti
[#13] dopo  
Utente 612XXX

Iscritto dal 2008
Gentile Dr. Alongi,


prima di leggere la sua risposta infatti ho già preso l'appuntamento presso IEO di via Ripamonto per il 5 giugno...se anche loro mi dovessero confermare che c'è bisogno di effettuare la radioterapia a quel punto non avrei più dubbi sul farla però a quel punto mi verrebbe in mente quello che ha scritto Lei riguardante la tomoterapia...giustamente,per quanto mi riguarda,uno cerca sempre il meglio...quindi vorrei sapere come muovermi in tal caso decidessi la strada della tomoterapia.

GRAZIE
[#14] dopo  
Utente 612XXX

Iscritto dal 2008
Gentili Dottori,

sono ad aggiornarvi sulla mia situazione.
Dopo tanti consulti...centro IEO,vostri,Dott. Talini ed infine il Prof. Cellai ho deciso con quest'ultimo di effettuare la radio.
Come tutti il Prof. Cellai (indicato da molti qui a Firenze molto esperto per il collo) mi ha detto che in teoria non c'è n'era il bisogno di farla e che potrebbe risultare un accanimento eccessivo ma se fossi stato suo figlio me l'avrebbe fatta fare lo stesso...e cosi è stato.
La radioterapia l'ho già finita e come da relazione di fine trattamento sono stato sottoposto a trattamento radioterapico in cavo orale e collo (livelli I-II-III) ad intento post-operatorio con tecnica 3DCRT(?).La dose totale è stata di 60Gy.
Tra 3 mesi dovrò effettuare un risonanza massillo facciale e collo con mdc.

Volovo chiedervi se il trattamento è stato giusto secondo voi e soprattutto l'importante infiammazione del cavo orale che ho avuto andrà via in poco tempo...è quello che spero...


Vi allego anche l'ultima ecografia del collo che ho effettuato prima di iniziare la radio:

INDAGINE ESEGUITA CON SONDA LINEARE AD ALTA FREQUENZA E CONFORTATA DA ANALISI ECOCOLOR-DOPPLER Confermando il quadro di sostanziale normalità della tiroide (minima disomogenità strutturale pseudonodulare al polo inferiore del lobo dx) e delle ghiandole parotidi e della sottomandibolare di sx,mentre la sottomandibolare dx risulta assai disomodenea,ipoecogena in un quadro perdurante flogosi post-chirurgica.
Lo studio delle stazione linfoghiandolari laterocervicali e sovraclaveari ha dato esito negativo.In particolare si è riscontrata una povertà delle stazione linfoghiandolari di dx,in esito di linfoadenomectomia.I linfonodi presenti controlateralmente non appalesano caratteristiche patologiche.


Il medico che mi ha operato mi ha detto che il radiologo non vede la sottomandibolare di dx perchè non c'è più...



Grazie a tutti
Lorenzo