Utente 213XXX
Gentile Dott. ormai vado avanti da un paio d'anni con un problema di difficile identificazione.
Mi è stata posta diagnosi di ipogonadismo secondario ,con successiva terapia sostitutiva (testoviron)
In effetti il testosterone libero è risultato sotto il limite minimo in diversi nosocomi e laboratori privati,ed il diidrotestosterone azzerato.
Il test del GNRH (a differenza di quello che mi hanno detto i medici) è normale,con FSH raddoppiato,ed LH quintuplicato,i medici insistevano con il dire che l'FSH era bloccato,perchè doveva anch'esso quintuplicare.
Mi sono rifiutato di assumere testosterone endogeno,anche perchè sia quello totale che l'SHBG sono perfettamente nella norma.
Il punto ,è che di base le gonatropine sono sotto il limite minimo,e non so il perchè,anche le TAC all'ipofisi ed al surrene sono nella norma.
Nonostante questi valori (gonadotropine e testosterone) così bassi,la mia libido è sempre altissima, e non ho mai avuto problemi in vita mia d'erezione,anzi,direi il contrario,ma una cosa che ho sempre notato,,è che le volte che ho avvertito erezioni notturne spontanee ,sono più uniche che rare.
Per ciò che riguarda altri sintomi ,avverto quelli classici della carenza di testosterone:astenia,edema al viso,vulnerabilità alle infezioni,stress,depressione,osteopenia (eseguita moc),forte catabolismo muscolare con incremento della creatinina(anche 2),con clearance ed azotemia nella norma,mi capita di perdere kg dalla mattina alla sera,mi è stato documentato in vari ospedali,ma senza urinare,quindi presumo di perderli di massa.
La tiroide è perfetta,e l'alvo è regolare.
Ho provato in passato ad assumere anche psicofarmaci pensando ad una qualche forma di depressione mascherata,o forte stress,ma senza alcun giovamento.
Le sarei grato se mi potesse dare un consiglio sulla mia situazione
La ringrazio per la cortesia
Cordialità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

non ci dice se ha effettuato un esame del liquido seminale e se è interessato alla fertilità. L'assunzione di Testoviron porta ad una depressione della produzione ipofisiaria di LH
Una visita in un ambulatorio di endocrinologia dove poter essre seguito in maniera organica mi sembrerebbe la cosa migliore da consigliare
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta,in realtà non sono molto interessato allo studio della fertilità in questo momento,viste le mie condizioni precarie ed incrementi e perdite di peso che sfiorano i 4/5 kg al giorno purtroppo ho altro di cui preoccuparmi.
Le perdite ponderali ed il successivo incremento nell'arco delle 24 ore (emettendo quantità di urina normali,ed assumendo alimenti con dieta controllata,mi sono state documentate da più centri universitari San Raffaele,Gemelli,Cisanello,non le elenco le altre decine di ricoveri per non tediarla,purtroppo i medici mi hanno detto in maniera molto onesta che non sanno e non immaginano di cosa si possa trattarsi
Ho perso un pò la speranza ,ma credo sempre che prima o poi qualcosa qualche medico capirà
La cosa assurda è che la perdita di questo peso avviene durante la notte ,durante il sonno,vado a letto con un peso ,ed al mattino quando in ospedale mi ripesano peso 4/5 kg in meno
Hanno provato anche a prendere le misure a cm (documentate) e la circonferenza delle braccia (bicipiti) si riduce di 9 cm durante la notte,per poi ritornare alla misura di partenza durante la giornata,e 17 cm circonferenza del busto
La tiroide è perfetta,e le catacolamine idem ,anche sotto sforzo,
Gli unici ormoni quindi che sono alterati sono quelli che le ho citato in precedenza
So che è assurdo sperare in una diagnosi online,ma spero che mi sappia dare almeno qualche spunto riguardo un'eventuale pista da percorrere,io sinceramente non ne ho più,e vado avanti a terapie ex juvantibus in mancanza di una diagnosi certa o anche ipotetica.
Certo di una Sua cordiale risposta le porgo i miei distinti saluti
[#3] dopo  
Utente 213XXX

Iscritto dal 2011
Immaginavo non avrebbe risposto non riuscendo a comprendere di cosa si possa trattare,e senza essere in possesso dell'anamnesi completa,ma ripeto,tranne che per le analisi sballate che Le ho indicato prima, non mostro alterazioni ne analitiche ne strumentali.
Proprio la settimana scorsa, mi è arrivata una comunicazione da parte della Columbus di New York per un ricovero presso il loro centro,se ne sono interessati due miei amici ricercatori,dopo aver consegnato tutta la documentazione i medici hanno riferito loro, che non hanno mai visto nulla del genere,e che vorrebbero esaminarmi.
Purtroppo questo problema inizia ad averlo anche mio fratello ,oppure l'ha sempre avuto ed i miei genitori non se ne sono mai accorti,ma capita che se indossa una maglietta un giorno che gli va larga,magari se la prova il giorno dopo ,non la riesce più ad indossare perchè troppo stretta.
Sono titolare di 3 società che lavorano con gli Stati Uniti,quindi so che li hanno mezzi tecnici più sofisticati che in Italia,speriamo che riescano a capire da cosa è provocato questo problema,più che per me soprattutto per mio fratello ,molto più giovane.
Se dovesse avere qualche intuizione ,la prego di palesarmela,La ringrazio
Cordialmente