Utente 301XXX
Buongiorno gentili Psichiatri, approfitto ancora della vostra estrema disponibilità.
- Come mai sul foglietto illustrativo dello Zoloft viene riportato questo "avvertimento"?
"E' stato evidenziato un rischio aumentato di fratture ossee nei pazienti trattati con SSRI o antidepressivi triciclici. Il meccanismo alla base di tale rischio non è noto."
- Cosa significa esattamente? Gli SSRI provocano un indebolimento delle ossa? Possono causare osteoporosi?
Grazie!!!

[#1]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente

Sul foglietto illustrativo, come lei riporta testualmente, è chiaramente indicato che il meccanismo alla base di tale rischio non è noto.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#2] dopo  
Utente 301XXX

Buongiorno, potrei avere un altro parere o altre informazioni?
Grazie di cuore!!!

[#3]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#4] dopo  
Utente 301XXX

Altri pareri per cortesia?
Grazie ancora!!!

[#5]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
[#6] dopo  
Utente 301XXX

Intendevo pareri di altri Psichiatri.

[#7]  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2003
Si era capito, ma forse non le è chiaro che la risposta che le è stata data in merito al meccanismo d'azione è contenuta al #1.

Poi, continui pure a votare il consulto in modo negativo mostrando chiaramente il frutto di tutta la sua arroganza ed ignoranza.
Abbia il coraggio di fare queste affermazioni con il suo nome e cognome in chiaro come evidentemente appare il mio, e poi vediamo se ci sono estremi per una ingiuria o una diffamazione.


A me pare che l'unico MURO sia lei, e trascendiamo dalle altre offese.
https://www.facebook.com/francescoruggiero.it/
https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139

[#8] dopo  
Utente 301XXX

Grazie dell'arrogante e dell'ignorante!
Se non fornisco Nome e Cognome è solo per proteggere la mia privacy, visto che le informazioni che ho inserito sono molto personali.
Di certo non è il coraggio che mi manca Dott. Ruggiero :-)
Comunque, se le valutazioni negative servono a farle scrivere più di due righe... abbiamo trovato una soluzione al suo problema.
Credo che lei stia approfittando un pò troppo della sua posizione; io non ho offeso nessuno, ho soltanto espresso dei pareri sulle sue INUTILI risposte.
E comunque, in ogni caso, molto meglio un'offesa che una minaccia come questa: "...e poi vediamo se ci sono estremi per una ingiuria o una diffamazione".

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Quando ci sono raccomandazioni di quel tipo significa che studi epidemiologici possono aver dato indicazione, ma ad esempio questo può dipendere dalle dal tipo di popolazione (anziani, meno anziani) o da altre malattie concomitanti di cui non si ha notizia.

I foglietti, per la loro funzione primaria di strumenti assicurativi, inducono chi li compila a menzionare tutti gli eventi, anche se non se ne conosce la causa, o potrebbero essere legati a elementi in comune tra l'assumere zoloft e l'avere fratture che niente hanno a che vedere con lo zoloft.

Mettiamo ad esempio che ci sia un gene che da una parte predispone alla depressione e dall'altra alla fragilità ossea, o agli svenimenti, o al fare sport estremi.
Risulterà che chi prende antidepressivi si frattura di più, magari non per la cura in sé, ma perché chi si cura ha le ossa più fragili, oppure ha più incidenti legati ai rischi che corre, o ad altre malattie di cui soffre.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it