Utente 132XXX
Buongiorno,
devo sottopormi (fra un mese circa) ad un intervento in endoscopia e anestesia generale per rimuovere un polipo androcoanale.
Assumo Harmonet, il mio otorino (colui che anche eseguirà l'intervento) mi ha anticipato che dovrei sospenderla (per scongiurare al mille per mille il rischio trombosi) oppure aggiungere terapia anticoagulante.
Il mio ginecologo invece mi ha spiegato che non vede necessità di sospendere Harmonet NON essendo un intervento tanto "importante" da immobilizzarmi a letto, e non avendo io fattori di rischio quali potrebbero essere il sovrappeso o l'ipertensione.
Devo ancora avere il colloquio con l'anestesista che mi addormenterà, mi chiedevo se posso chiedere di continuare Harmonet aggiungendo nel caso l'anticoagulante, dal momento che sospendendola avrei un notevole disagio casua mestruazioni lunghe e molto abbondanti e vorrei evitare di aggiungerlo al fastidio che avrà al naso.
Grazie fin d'ora per la risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buon giorno, effettivamente non sempre noi anestesisti facciamo sospendere i farmaci come quello che lei assume. Si valuta di volta in volta in base alla paziente, agli esami, all'intervento ed ai fattori di rischio.
Stessa cosa dicasi per la copertura con anticoagulanti
Detto ciò l'unica cosa da fare è rimettersi al giudizio del suo anestesista che la valuterà e consiglierà per il meglio.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
Grazie per la risposta Dott.ssa,
spero di cuore che il suo collega abbia pietà di me!
A presto
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile signora, nella fase di preospedalizzazione noi dobbiamo preparare i pazienti all'intervento, e quindi alla anestesia, in sicurezza.
Il/la collega la valuterà globalmente e prenderà per lei la decisione più idonea ad offrirle tale sicurezza, sostantivo che non va molto d'accordo con la pietà.
Dico questo per farle comprendere che noi, pur mantenendo una necessaria umanità nei rapporti coi pazienti, dobbiamo essere rigorosi e non pietosi, appunto per salvaguardare la sicurezza di cui sopra.
Cordiali saluti.