Utente 308XXX
buongiorno, 5 anni fa ho partorito ( cesareo) con anestesia epidurale e puntura durale accidentale (con paresi degli arti inferiori, incontinenza per i 3 giorni in cui ho tenuto il catetere dell'epidurale). A partire dal giorno successivo mi sono accorta di non poter piu riuscire ad evacuare spontaneamente se non con l'ausilio manuale.
Mi è stata diagnosticata una dissinergia dei muscoli addetti alla peristalsi e un prolasso interno delle pareti intestinali. ( defecografia, manometria anorettale, elettromiografia, colonscopia e al test di espulsione del palloncino non sono riuscita ad espellerlo.)
Le chiedo cortesemente se tutto cio puo essere una diretta conseguenza della puntura durale acidentale o semplicementa della tecnica epidurale.
La ringrazio infinitamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, di norma, quando dopo una anestesia peridurale e/o subaracnoidea, il soggetto presenta dei disturbi che non sembrano risolversi nel giro di qualche settimana, ci si rivolge subito all'anestesista e/o al Servizio di
Anestesia che ha proceduto alla metodica anestesiologica per un consulto e per intraprendere, eventualmente fosse ritenuto necessario, una serie di accertamenti ai fini di verificare se ci siano dei danni neurologici a partenza dalla sede di puntura.
Lei non ci dice se ciò sia stato fatto ed i disturbi che Lei lamenta, in assenza di un danno neurologico accertato mi sembra arduo attribuirli alla puntura che le è stata praticata e pur con la puntura accidentale della dura. Tale puntura accidentale ( cosa non rara) ha carattere benigno ed eventuali disturbi regrediscono in breve.
Saluti