Utente 310XXX
Buongiorno,ho 36 anni e a marzo durante un controllo al centro antidiabetologico nell ecg mi è stata riscontrata una fibrillazione atriale. Dopo avere tentato la flecainide(che mi ha provocato un flutter atriale cardiovertito elettricamente il 9.05.13) e successivamente il bisoprololo, il 25.06.13 ho subito l'intervento di alblazione transcatetere per risolvere il problema con decorso senza nessun problema (forse in qst giorni i battiti un pochino più alti del solito..ma comunque costanti senza aritmie). Ora prendo cumadin e rytmonorm per 3 mesi.
La mia domanda è: essendo io sempre stato uno sportivo(corsa,sci,bici,nuoto) da 4-5 allenamento a settimana,quali sono i miei tempi di recupero ora? Quanto devo stare fermo (il medico che mi ha operato ha detto 10gg) prima di poter riiniziare a fare attività? Ovviamente con ripresa graduale..
Grazie buon lavoro

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Puo' riprendere la sua attivita' fisica, considerando pero' il fatto che lei sta assumendo anticoagulanti orali e pertanto e' meglio evitare attivita' che possano provocare traumi di una certa entita', specia al cervello (cadute, etc.)
Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille per la celere risposta. Le chiedo ancora una cosa se posso..io sono diabetico insulinodipendente e quando assumo il cumadin (ore 16.00) la glicemia ha uno sbalzo notevole.. circa 150 in più entro 2 ore..non esiste un anticoagulante alternativo che non abbia questo effetto indesiderato?
Grazie ancora e complimenti per l'ottimo lavoro che fate su questo sito!
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
non vedo il nesso tra warfarin e glicemia
cordialita
cecchini
[#4] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Salve dottore, ho ripreso la mia attività fisica da lunedì, ho fatto tutto con gradualità, ma ho notato una cosa in questi giorni, appena inizio a correre, dopo circa 2-3 minuti ho un aumento dei battiti a circa 160-165, poi in pochi secondi tornano normali sui 110-120.. questo per una massimo due volte entro i primi 5 minuti, in seguito non ho più problemi di alcun tipo fino a fine allenamento..
Può essere un "effetto" del rytmonorm? O è ancora una conseguenza dell'ablazione?
Grazie della disponibilità
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non vedo alcun nesso con il Rytmonorm, è probabilmente effetto del detraining e cioe che ha perso un po di allenamento
Arrivederci
Cecchini
[#6] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
ad essere sincero mi dava dei sintomi simili (anche se più frequenti) anche l'ultimo periodo prima dell'ablazione quando ero in cura con il bisoprololo e quindi avevo pensato fossero collegati..
Se fosse solo per il detraining sarei sicuramente più felice!
comunque a fine allenamento ho fatto l'ecg con il cardio telefono e inivato al cardiologo che mi ha operato quindi in caso di problemi penso mi chiamerà per dirmelo..
[#7] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Salve dott.Cecchini, scusi se la disturbo ancora una volta ma avrei una domanda da farle..
A distanza di un mese dalla ripresa degli allenamenti ho ancora questo effetto strano appena inizio a correre con i battiti che salgono rapidi fino a 160-170 per poi altrettanto rapidamente ridiscendere,..passati i primi 5-6 minuti non lo fanno più.. Invece negli ultimi giorni sto provando a allungare un pochino gli allenamenti(per arrivare a correre circa 1 ora 1ora e 10)..e dopo circa 5 minuti i battiti che fino a quel punto si mantengono sui 150-155 salgono a 170-175... Questi battiti sarebbero i miei battiti normali per quel tipo di allenamento preoperazione quando arrivavo anche a 195 battiti in occasione gare corte.. La mia domanda è la seguente, premesso che a livello fisico non sento alcuna differenza di fatica e potrei continuare è normale che i battiti salgano ai miei livelli precedenti o dovrebbero comunque risentire dell'effetto del Rytmonorm come nei primi 50 min? Posso continuare a correre anche quando salgono così o è meglio aspettare ancora?
Grazie ancora e spero di essere stato abbastanza chiaro..
[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Guardi io ritengo che correre cosi' a lungo e mantenere tali frequenza elevate a lungo non faccia bene anche al cuore piu' sano.
L'attivita' fisica che fa bene al cuore e' camminare a lungo od andare in bicicletta come mezzo di trasporto.
Arrivederci
cecchini
[#9] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Pienamente d'accordo con lei sui benefici che porti il camminare e usare la bicicletta al posto della macchina, ma ritengo che fare sport anche a livello agonistico non sia da "demonizzare" a priori..tanto più se si è iniziato da bambini e quindi il proprio fisico si è abituato per gradi e senza forzature..non credo sia la stessa cosa gestire il cuore di un atleta e il cuore di un neofita che decide a 40 anni di fare sport e esagera partendo subito con progetti troppo grandi..
comunque grazie per la sua risposta ugualmente.
[#10] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Lei pensi cio' che vuole, giustamente.
Si guardi attorno e mi dica se trova qualche specie animale che faccia sport.
Cordialita'
cecchini
[#11] dopo  
Utente 310XXX

Iscritto dal 2013
Le specie animali fanno "sport" dall'alba dei tempi..lo fanno per cacciare e per mantenersi in vita..e le assicuro che si muovono molto più dell'umano più sportivo al mondo...al contrario di noi umani che siamo diventati sedentari e stiamo tutto il giorno seduti davanti ad un pc dentro degli uffici o seduti in macchina in coda.
Mi scusi ma su questo punto mi trova in disaccordo con lei.
poi, come dice lei, ognuno può pensarla come vuole, nel rispetto del pensiero altrui.