Utente 413XXX
Buongiorno egregi dottori
Una mia zia di anni 40 è talmente magra (e anche bassa di statura) che sembra quasi una donna anoressica, è sempre stata così.

Il medico di famiglia gli ha detto che non deve preoccuparsi e non deve assolutamente farsi visitare da nessun specialista, gli ha detto che il suo fisico è così per una questione di costituzione e che non corre nessun rischio di salute futura per via di questa sua magrezza, anzi . . .

E’ probabile che il dottore abbia ragione, infatti mia zia due anni fa ha partorito un bambino ed ha anche allattato al seno ed ora non ha messo su un solo chilo rispetto a prima.

La mia domanda allora nasce perché ho letto una risposta in questo sito data a un altro utente riguardo la sua magrezza, l’utente, per la sua eccessiva magrezza chiedeva: Ma è una patologia da curare, in quanto può diventare rischiosa, oppure posso anche rimanere così?
e un dottore (specialista in scienza dell’alimentazione), ha risposto: no, deve curarla. lei ha poca benzina nel serbatoio, per usare una metafora automobilistica, e deve fare rifornimento.

Siccome mia zia non ne vuol sapere di farsi visitare da uno specialista perché il medico di base ha detto che non è il caso ed ha sorriso quando gli ho fatto leggere la sua risposta sopra dicendo che ci sono in giro un sacco di dottori poco preparati.
Io vorrei allora gentilmente chiederle: oltre (ipotizzo io) all’osteoporosi, quali possono essere in futuro i rischi di salute per una persona così magra rispetto ad una normopeso?
Ci sono dei rischi anche vascolari – neurologici ecc. ?

Mille grazie per le eventuali cortesi delucidazioni.

ps: mia zia non ha problemi di tiroide ne altri problemi di salute (anche se a vederla la sua eccessiva magrezza fa quasi impressione)

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
44% attività
4% attualità
20% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Salve,
mi duole ma devo prima di tutto intervenire nei confronti del collega, che magari conosco anche, e di fama, che ha risposto al link che lei ha letto, e che sicuramente per dare una risposta di QUEL tipo ha valutato QUEL caso e avrà sicuramente saputo trarre le giuste conclusioni. Non parlerei quindi di medici "poco preparati".

Tornando al problema, penso che il Medico di famiglia di sua zia non abbia problemi a prescriverle dei comunissimi esami del sangue di routine, da cui eventualmente partire come iter diagnostico, per avere, oltre all'obiettività evidente, anche primi dati di laboratorio.
Saluti.