Utente 315XXX
Buon giorno, volevo rappresentare la situazione di mio padre nella speranza che qualcuno ci dia indicazioni utili per avere le idee piu chiare. A mio padre è stato diagnosticato un melanoma ulcerato a cellule epitelioidi infltrante il derma reticolare in fase di crescita verticale e radiale , (livello IV di Clarck, spessore di Breslow mm 2,7 pt3nxmx) con 8 mitosi/10 hpf e con permeazione neoplastica endovasale, infiltrato linfocitato assente, pigmentazione presente, margine di escissione indenni.
A seguito dell'asportazione del melanoma è stata eseguito
1. il prelievo del linfonodo sentinella ascellare dx
2. del linfonodo parasentinella
3. l'ampliamento della cicatrice
inviati per la biopsia di cui riporto il referto:
T: linfonodo ascellare 08710
M: Assenza di metastasi
T: linfonodo ascellare 08710
M: metastasi/infiltrazione di melanoma
T: cute, nas 01000
M: assenza di lezione neoplastica
diagnosi:
1. linfonodite cronica reattiva
2. micrometastasi subcapsulare di melanoma
3. tessuto cutaneo e sottocutaneo senza evidenza di residuineoplastici

Il chirurgo ci ha traquillizati dicendo che secondo lui non era necessario lo svuotamento ascellare poiche il l. sentinella era negativo tuttavia ci ha consigliato una consulenza oncologica, durante la quale invece ci è stato consigliato di effettuare lo svuotamento ascellare. Ma se è vero che le complicanze post chirurgiche sono tante e l'asportazione dei linfonodi ha solo valore conoscitivo e non terapeutico, è proprio necessario procedere in questo modo?
Ringrazio anticipatamente e mi scuso qualora l'esposizione non dovesse risultare molto chiara, l'evento ci ha destabilizzato parecchio.


[#1] dopo  
Dr. Pasquale Buonandi
24% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
La linfoadenectomia è assolutamente indicata al fine di rimuovere eventuali linfonodi metastatici (che contengono malattia attiva).
Il melanoma è una malattia molto aggressiva verso la quale devono essere messe in atto tutte le misure difensiven attualmente disponibili.
Oltre a tutto ciò sarà necessario, se l'età e le condizioni generali lo consentono, una terapia adiuvante o di prevenzione a base di INTERFERONE ad alte dosi per circa un anno.
L'Oncologo vi darà ulteriori delucidazioni in merito.

ps: ha fatto una Tac o PET total body?

Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 315XXX

Iscritto dal 2013
Gentilissimo Dr. Buonandi, la ringraziamo per la solerzia del suo prezioso intervento. Siamo in lista d'attesa per la tac total body ed una Scintigrafia ossea. Mio padre ha 74 anni, e il consulto che ci offre conferma il nostro timore di aver atteso troppo.L'asportazione del melanoma è avvenuta agli inizi di giungoed è gia da due mesi che abbiamo il risultato del sentinella. Era rassicurante e ci è piaciuta l'interpretazione del chirurgo secondo cui non bisognava preoccuparsi piu di tanto perche il sentinella era negativo, anche se il parasentinella risultava positivo. Il consulto oncologico, fatto per mera precauzione, ci ha restituito la tensione e la preoccupazione di un problema a quanto pare tutt'altro che banale.
Speriamo di non pagare a caro prezzo questo ritardo.
Ancora infiniti ringraziamenti.