Utente 281XXX
Salve, sono un ragazzo di 19 anni, le scrivo per questo: circa due settimane fa ho notato una desquamazione sul glande e sulla pelle circostante, alchè ho provveduto ad applicarci sopra della semplice crema allo zinco per idratare. Dopo alcuni giorni ho avvertito un fastidioso prurito, inoltre sulla pelle vicino il glande sembrava ci fosse come un eritema, così ho deciso di recarmi da un urologo. Questo mi ha detto che si trattava di micosi, però la cosa mi sembrava strana dato che io ho rapporti fissi con la mia ragazza e in più uso sempre il preservativo. Comunque mi disse di usare Pevaril crema per alcuni giorni;lo feci, ma non migliorai nulla. Mi era comparso un taglietto sul frenulo e avevo difficoltà a scoprire il glande soprattutto quando il pene era in erezione. Scoprendo totalmente il glande, circa 3 cm sotto questo c'era come una corona bianca, dovuta secondo me al fatto che il frenulo mi tirava e quindi stringeva il pene. Così ho sospeso la cura e ho deciso di provare una crema di mia madre, Vagisil, indicata per fastidi ai genitali in generale. Risolsi niente anche con questa, anzi quando decisi di smettere di utilizzare la crema, dopo due giorni mi erano comparse delle bollicine bianche sul glande, così preoccupato ho chiamato il dottore che mi disse di usare clobesol unguento; con questo ler bollicine sono sparite, ma adesso sono rimaste piccolissime macchiette rosse. In più il dolore al frenulo non è passato. Cosa potrei fare? Anche perche mi sono anche stancato di questa situazione. Potrebbe essere un'infezione batterica?Potrei usare gentamicina?
Aspetto sue risposte, grazie
saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

la cosa più saggia sarebbe quella di riparlare con il suo medico di Famiglia e chiedere una visita specialistica dermatologica per trovare una soluzione decisa e definitiva del suo problema.
Eviti le "automedicazioni" per tentativi.
Corre il rischio di indurre forme di reazioni allergiche
cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro ragazzo eviti nella maniera più assoluta di applicare prodotti o creme o altro sulla parte. Consulti in prima istanza il medico di famiglia che valuterà se prescriverle qualche prodotto di prima linea o se indirizzarla direttamente ad un dermatologo.
[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino
60% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

il caso che ci descrive - seppur nella limitatezza della sede telematica - ci induce ad invitarla a visita Dermatologica Venerelogica (con l'esperto di cute e mucose genitali) per l'esclusione di una patologia nota coem LICHEN SCLEROSUS, una patologia infiammatoria immunologica (non infettiva, quindi) cronica a carico dei tessuti del pene (prepuzio in primis, ma anche glande e uretra)

Effettui la visita senza applicare nulla che posa controvertire il quadro a chi dovrà leggerlo.

ci tenga pure informati se vorrà.

cari saluti