Utente 315XXX
Salve, scrivo per conto di mia zia che molto spesso ha delle afte in bocca. In questo periodo ne ha una da una decina di giorni grande e molto dolente e un'altra gli è apparsa 3 giorni fa. E' andata dal suo medico curante ma era assente (abita in un piccolo paesino e il dott. fa servizio 1 volta a settimana), sta mettendo pyralvex ma non vede miglioramento, dice che deve tirare un dente ma deve assumere l'antibiotico ma ha paura perché è allergica a gli antibiotici (doveva fare le prove allergiche ma terrorizzata se ne è scappata dall'ospedale senza farsi fare nulla (ha avuto 3 shock anafilattici). Ci sono altri rimedi?
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il rimedio parte dalla conoscenza della causa.
L'aftosi orale può derivare da numerose cause, batteri, virus, funghi, malattie intestinali, usos di antibiotici, malattie odontostomatologiche, stress, stati d’ansia e depressione, ed altri ancora.

E' utile che si faccia seguire dal suo medico di fiducia per un corretto inquadramento,
prima diagnostico e poi terapeutico.
[#2] dopo  
315621

dal 2015
La ringrazio, riferirò.
[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Molto bene.

Auguroni
[#4] dopo  
315621

dal 2015
Buona sera dottore spero mi possa essere d'aiuto, visto che non posso inserire nuove richieste di consulto ad uno specialista............ il 25 ottobre mi è cominciato il dolor di gola, il 26 è cominciata la febbre che per 3 giorni è salita fino a 39,5. Domenica 27 siccome vomitavo e dopo una bentelan (assunta per il forte dolor di gola), ho vomitato acido, ho chiamato la guardia medica che, quando vide la mia gola si mise le mani ai capelli, era piena di blacche, pus e arrossatissima, disse che rischiavo una setticemia che dovevo cominciare immediatamente l'antibiotico, voleva farmi una puntura di Rocefin ma essendo allergia alle muffe, mi sono rifiutata e cominciai il solito Zitromax. Ero disidratata al max e neanche le flebo di acqua glucosata potevano farmi perché si rompevano le vene. La febbre scesa il 3 gg e il dolor di gola già dalla 1 compressa di antibiotico iniziò a farmi male di meno. Dopo qualche giorno andai dal mio medico curante il quale mi disse di fare il tampone e lo stesso giorno di cominciare una seconda scatola di Zitromax. Feci il tampone l'8 novembre e oggi ebbi i risultati, Streptococcus beta emolitico gruppo A ed è sensibile alla penicillina. Dissero che è il più pericoloso che esista, il mio medico curante mi scrisse l'Augumentin disse che è il meno tossico, ma da me non è questione di tossicità ma questione di allergia alle muffe e ho paura di assumerlo, c'è qualche altro farmaco che posso utilizzare che non sia penicillina? Il dolor di gola persiste ancora, sono stremata, non ce la faccio più, posso utilizzare un farmaco che potrebbe crearmi una reazione allergica anche grave? Ho il terrore!
[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Può effettuare un antibiogramma e concordare altre scelte con il suo curante.
[#6] dopo  
315621

dal 2015
Ha fatto l'antibiogramma e li è uscita una lista di penicilline (sensibile a). Comunque sono stata dal mio medico curante nuovamente, lamentandomi del fatto che non poteva prescrivermi ciò in quanto allergica alle muffe e mi rispose che in passato li ho presi tranquillamente senza aver problemi e che quindi posso assumerle tranquillamente e che comunque la penicillina non è una muffa ma prelevano dalla muffa la sostanza ( secondo me è la stessa cosa).. Mi sono fatta 2 segni della croce e me la sono presa, che devo fare, o rischio da una parte o dall'altra. Fino ad ora facendo scongiuri non è successo nulla e sono passate già 2 ore quindi credo che posso stare tranquilla poi, vediamo stasera cioè ogni volta che l'assumo, perché la mia paura è che dovendola assumere per 10 giorni, non vorrei che essendo già una sostanza che non tollero (muffa) mi scaturisse qualche shock anafilattico, anche perché mi dissero che la classica puntura di Bentelan in quel caso non fa nulla.
[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Due ore sono già qualcosa.
Si tenga in contatto con il suo curante.
[#8] dopo  
315621

dal 2015
Buona sera,
la contatto dopo aver consultato il mio medico curante, giusto per avere un altro parere.
Sabato ho assunto una bentelan perchè mi sentivo la gola ingrossata come se qualcosa mi ostacolava di deglutire. Da quel giorno ho avuto brividi di freddo e dolori alle ossa i primi sono passati ma i dolori no tanto che da domenica, avverto dolori altezza scapola sx che si irradiano al petto. Avendo i dolori alle ossa non ci ho badato più di tanto anche se sono fastidiosi perchè arrivano come fitte ma ieri, mi è capitato che prima ho avvertito questo dolore forte e poi ho iniziato ad avvertire bruciore di stomaco. Oggi mi sono recata dal medico curante perchè il dolore si è intensificato e ha escluso dolore cardiaco escludendo anche la possibilità di ritorno di pericardite. Mi ha ascoltato sia le spalle che il petto ed era tutto apposto, l'unica cosa che palpando la zona della scapola sento dolore quindi, ha dedotto si tratti di dolore muscolo scheletrico però, no ha escluso totalmente si potesse trattare di reflusso gastroesofageo e mi ha prescritto la visita gastroenterologica.
Anche secondo me non si tratta di dolore cardiaco ma non credo neanche si tratti di dolore muscolo scheletrico, le scapole mi fanno male perennemente dopo l'incidente che ho avuto, ho i muscoli contratti e ne fisioterapia, ne esercizi mi sono serviti, i dolori sono come fitte, non sono continui ne si accentuano con movimenti o altro; mentre la scapola mi fa male toccandola, il petto no.