Utente 268XXX
Buonasera..ho bisogno di un consulto medico...da molto tempo (non so di preciso quanto ma piu di un anno sicuro) avverto alcuni sintomi che mi preoccupano sempre più.. mi capita ogni giorno di avvertire strane sensazioni: battito cardiaco strano, il più delle volte accellerato tanto da sembrare quasi un infarto, tremolii e strane sensazioni agli arti, stanchezza e difficoltà respiratorie... spesso anche capogiri e senso di svenimento oppure sembra strano ma anche sensazioni di svenimento non appena inizio a sentire un po di fame....il medico di famiglia dopo molte analisi del sangue e un elettrocardiogramma con risultati perfetti crede sia ansia ma a me sembra strano perché non mi è mai passata in tutti questi mesi e penso che l ansia si manifesti in momenti "brutti" della vita e io ora come ora sto trascorrendo una vita tranquillissima.. dall'altra parte però mi capita a volte di accorgermi di avere attacchi di ansia che mi faccio venire da sola come avverto uno di questi sintomi...diciamo che è come se la paura di avere qualcosa mi porta ancora di piu a stare male...è una situazione un po strana... non penso che questi sintomi me li creo io da sola con le mie paura però è anche vero che tutto puo essere..io vorrei solo sapere cosa pensate di tutto ciò e se potrebbe essere anche qualche problema di salute , anche di cuore e cosa fare, quali tipi di visite fare per saperlo una volta per tutte! Perché credetemi è davvero brutta questa situazione... non riesco piu a essere tranquilla! :( grazie in anticipo!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara Sig.ra non mi permetterei mai di pensare che i suoi disturbi non siano reali, ma sicuramente non sono di origine cardiaca. Anche se non è l'ansia a crearli, i sintomi che riporta (che sembrerebbero banali risentimenti muscolari o nevralgie) innescano il meccanismo ansiogeno che giustifica l'intero quadro clinico. Direi che se la cosa continua lei debba rivolgersi ad uno psicologo e non a noi cardiologi.
Saluti cordiali