Utente 234XXX
Gentilissimo Dottori buonasera,
vi disturbavo per chiedervi un consulto per un dolore che ho avvertito per la prima volta diversi mesi fa.
In pratica premendo con la mano appena sotto lo sterno (per capirci proprio dove finisce la gabbia toracica e inizia la parte di tessuto molle) avverto un dolore in quel punto che si propaga verso la zona centrale del petto.
Come smetto di eservitare la pressione il dolore rimane ancora per massimo un minuto fino a sparire del tutto.
Premetto che senza premere in quel punto non avverto alcun tipo di problema o disturbo. Volevo capire se secondo voi questo dolore può rientrare nella sfera dei problemi cardiaci o se, come sostiene il mio medico di base, rientra nel settore del reflusso gastrico. Vi pongo questa domanda poichè il mio medico ha fornito questa risposta senza alcuna visita ma solo mediante colluquio faccia faccia e la cosa un po' mi preoccupa. In attesi di una vostra risposta vi porgo i miei saluti e vi auguro Buone Feste.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Per come lo descrive, è da escludersi una qualsiasi origine cardiaca per il Suo sintomo. In prima istanza, e con i limiti di un consulto a distanza, l'ipotesi del Suo medico pare la più probabile.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 234XXX

Iscritto dal 2012
Gentilissimo Dottor Fedi la ringrazio per la velocissima risposta.
In prima istanza ho omesso di dire che il dolore segue anche l'andamento dell'ultima costola. Credo comunque che lei rimanga della sua opininione.
Anche perchè, mi corregga se sbaglio, il cuore si trova molto più in alto rispetto alla sede del dolore che le ho indicato è corretto?
Volevo approfittare della sua disponibilità per chiederle un altra cosa: occasionalmente, coricadomi nel letto alla sera, sento un battito del cuore anomalo, tipo accelerato. Me ne accorgo però solo se mi corico su un fianco e, come le ho detto, alcune sere si e altre no. per questo motivo avevo effettuato un ecg qualche mese fa risultato negativo. Poi non avevo più sentito questo fastidio per dei mesi per ripresentarsi negli ultimi tempi. Il cardiologo mi disse che si poteva trattare di extrasistole ma, non essendo presenti al momento dell'ecg non sapeva cosa dirmi. Qualora si fossero ripresentate si poteva eseguire un Holter. Volevo chiederle se potre ritenere respinsabile lo stress di questa cosa o se, con i limiti del consulto online, esiste qualche patologia che da come sintomi un battito irregolare in base alla posizione. P.S.: tale sensazione dura circa 3-4 minuti poi il tutto si normalizza e non ricompare più fino alla sera dopo o all'episodio successivo ma mai la stessa notte. Le rinnovo i ringraziamenti e gli auguri.
[#3] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
E' molto probabile che si tratti di innocue extrasistoli isolate, che talvolta possono rendersi fastidiosamente percepibili ma che non rivestono alcuna rilevanza clinica.
Cordiali saluti