Utente 334XXX
Buongiorno, nell'ultima settimana ho avuto per due volte il seguente disturbo: forte pesantezza di stomaco, sensazione di pienezza, nessun dolore alla palpazione. Questa sensazione di pesantezza era accompagnata da fiato corto e battito cardiaco accelerato. Una settimana fa il disturbo è durato per 2/3 giorni per poi scomparire gradualmente. Ieri sera è ritornato ed era piuttosto intenso, ho dormito però tranquilla (assumo abitualmente della valeriana, preciso che sono un soggetto particolarmente ansioso ed emotivo), questa mattina la pesantezza di stomaco è tornata accompagnata da leggera tachicardia. Sono andata in farmacia per farmi misurare la pressione con i seguenti risultati:

Sistolica: 155
Diastolica: 78
Frequenza cardiaca: 102

Preciso che in quel momento comunque il malore non era nel suo momento più intenso. Ritengo possa essere utile informare che sono fumatrice( meno di 10 sigarette al giorno) e che sono soggetto allergico (allergia al lattosio, alla frutta secca, agli antibiotici). Vorrei cortesemente un vostro parere in merito, non capisco se i disturbi relativi allo stomaco possano essere derivanti o la causa della tachicardia e della pressione sistolica alta.

Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Deve essere fatta una diagnosi....Innanzitutto una valutazione cardiologica, non solo con visita, ma anche con ECOcardiogramma e ottimale sarebbe eseguire un ECG durante il dolore ed eventualmente gli enzimi miocardici. per questo si rivolga in fase acuta a un P.S.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio molto Dott. Rillo, in questo momento il malessere non è nella sua fase più acuta ma è abbastanza lieve. Terrò monitorata la situazione e nel frattempo prenderò appuntamento col medico curante per valutare assieme il da farsi.

Nel frattempo sarebbe molto gradito un riscontro inerente la mia iniziale domanda: secondo la vostra esperienza disturbi di questo tipo hanno natura cardiaca o gastroenterica(magari con alla base una componente ansiosa)? Leggendo diversi quesiti su mediciitalia ho notato che questa seconda ipotesi parrebbe la più accreditata.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Indubbiamente....sia l'uno sia l'altro tipo di problema possono manifestarsi con sintomi analoghi, anche se ovviamente la gravità è completamente diversa...E' per questo che le ho dato dei consigli nella precedente consulenza. Non è possibile esprimersi solo per supposizione perchè la supposizione è la madre di tutti gli errori. Occorre dimostrare se il problema è gastroenterologico o cardiologico e questo non è possibile stabilirlo a priori o con la medicina del "secondo me".
Saluti
[#4] dopo  
Utente 334XXX

Iscritto dal 2014
Ringrazio nuovamente per la consulenza e per il tempo dedicatomi.