Utente 220XXX
Buongiorno!
Sono una ragazza di 28 anni. Da novembre ho una consistente perdita di capelli. (3 mesi) associata ad un forte dolore e arrossamento del cuoio capelluto, prurito e leggera desquamazione.
Sto facendo una cura con deltacrin integratore da circa un mese, ma la caduta non si arresta ed inoltre durante la visita la dermatologa ha rilevato una ricrescita molto sottile rispetto ai capelli non ancora caduti. Ho provato Sensinol Shmapoo e spray della Ducray senza alcun risultato per il dolore e prurito.
Vedo che il diradamento e sempre più visibile e questo mi sta molto sfiduciando sull'effetto di questo integratore.
Valori di: ferritina, TSH, sideremia, emocromo, antiglobulina, antiperossidasi tutti nella norma.
Nella zona delle tempie e fronte vedo la cute in profondità, e premetto che ho sempre avuto una chioma molto folta.
La dermatologa consiglia di aspettare un altro mese per vedere se il Delatcrin irrobustisce la sottile ricrescita.
E' forse consigliabile un tricologo? non capisco perchè la caduta (se la caduta di circa 100 capelli al giorno è nella norma, e io ne perdo 200/250 ca) non si arresta, di sto passo diventerò calva! ma soprattutto le cause? cioè dagli esami fatti non è stata rilevata alcuna anomalia.. Quello che mi preoccupa è la ricrescita.
Grazie anticipatamente!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Gent.le pz
innanzitutto la diagnosi.
Da quel che riferisce , pur in mancanza di un tricogramma , mi orienterei in modo del tutto non vincolante , ad un effluvium(in telogen probabilmente , ma non sappiamo non essendoci la morfologia dei capelli caduti) , che sembra cronico visto la perdita non esagerata. Questo dovrebbe spingere sulla ricerca delle cause.
Certamente la sua dermatologa affinerà la diagnostica clinica , laboratoristica e microscopica, e anche ematochimica, allargherà la anamnesi , e saprà comporre l'opportuna terapia, il più possibile causale.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 220XXX

Iscritto dal 2011
Ma..veramente a me sembra che non sia alla ricerca di nessuna causa e che mi stia prendendo alla leggera! Cos'è un effluvium cronico?
A questo punto dovrò rivolgermi ad un tricologo, perchè non è stato fatto ne un tricogramma ne altro.
[#3] dopo  
Dr. Giampiero Griselli
52% attività
20% attualità
20% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2002
Gent.le pz
la tricologia è una branca della dermatologia. Difatti i capelli , come le unghie , sono annessi cutanei. Quindi il medico deputato alla cura delle patologie di capelli e cuoio capelluto è il dermatologo , che quindi è anche tricologo.Certamente la branca è ultraspecialistica e richiede una particolare esperienza e inclinazione.Se leggerà tra le new vedrà che ho proprio fatto un blog su come penso debba essere fatta una visita tricologica.
Se il rapporto di fiducia con la sua specialista è compromesso , forse è meglio cercare altrove. L'importante che venga garantita una diagnostica (videodermatoscopia , pull test,esami ematochimici, etc) adeguata e che la terapia medica e farmacologica ne sia conseguente.
Cordialità