Utente 169XXX
Gentili Dottori, a seguito di lieve gonfiore alle caviglie, sono stato da un angiologo, che mi ha sottoposto a visita (con ecocolor doppler), con le seguenti conclusioni : Arterie emodinamicamente normali. Lieve insufficienza venosa del circolo superficiale. Nel dettaglio, riguardo il sistema venoso, è precisato: Circolo superficiale: lieve incontinenza valvolare della safena interna destra(1/3 superiore e sinistra di gamba). Incontinenza valvolare della safena esterna bilateralmente (reflusso breve). Assenza di echi endoluminali riferibili a processi trombotici. Considerato che da diversi mesi avverto stanchezza nell'attività fisica, anche per passeggiate brevi, ho effettuato anche degli accertamenti cardiologici e i medici non mi hanno parlato di insufficienza cardiaca. Io però so che un sintomo di essa può essere il gonfiore alle caviglie. Vorrei domandare cortesemente se, dalla visita angiologica e relativo ecodoppler, si può distinguere un gonfiore causato da insufficienza venosa (quindi un problema limitato alle gambe) da un gonfiore causato da insufficienza cardiaca ovvero se, nel mio caso, il gonfiore può essere dovuto ad entrambe le cause. Ringrazio per le risposte e saluto cordialmente.
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
facendo riferimento anche alle Sue precedenti richieste di consulto dobbiamo rappresentarLe che la diagnosi differenziale riguardo un edema delle estremità inferiori non è sempre agevole nonostante visite e accertamenti strumentali e tanto meno può esserlo a distanza, come nel nostro caso.
L'ecocolordoppler eseguito sembrerebbe escludere una situazione di grave insufficienza venosa.
Consideri inoltre che anche l'assunzione di taluni farmaci (es. antiipertensivi, prinicipi ormonali, ecc.) può condizionare il Suo quadro clinico, come pure potrebbe esservi attinenza con la patologia prostatica, della quale per altro non ci fornisce maggiori dettagli (esito biopsie).
[#2] dopo  
Utente 169XXX

Iscritto dal 2010
Grazie per la risposta. Aggiungo che l'esito della biopsia prostatica a 40 prelievi, effettuata nel 2012, è stato negativo, come quella a 15 prelievi effettuata nel 2010. Assumo i seguenti farmaci: teraprost da 5 mg la sera e triatec da 5 mg, la mattina. In attesa, invio cordiali saluti.