Utente 733XXX
Sono una donna di 30 anni, mi sono operata da circa 2 mesi,per la terza volta(quindi la seconda recitiva)al mignolo della mano sinistra per dei tumori giganto cellulare. Le prime due operazioni sono andate benissimo cioè dopo ho avuto una perfetta funionalità del mignolo e di tutta la mano,questa volta invece,con una ferita che parte dalla punta del mignolo all'inizio del polso,sembra che ci siano dei problemi. Il mio mignolo non si stente più,è rimasto curvato e faccio fatica anche a piegarlo quindi a chiudere la mano a pugno e inoltre mi viene difficile anche afferrare le cose. Il medico che mi ha operata sostiene che è tutto ok ,che non devo preoccuparmi,ma io non contenta ho fatto una RM la quale dice che:" conservata la continuità anatomica dell'apparato tendineo dei flessori del quinto dito che nel tratto interessato(corrispondente al tratto compreso tra la metacarpo-falangea e l'interfalangea prossimale) appare assottigliato e a margini irregolari in relazione ai processi fibro-ciratriziali peritendinei".Dopo questo esame il medico che mi ha operata leggendolo mi dice nuovamente che devo stare tranquilla e non allarmarmi perchè non ci sono problemi e continua a dire che è tutto ok, e che l'operazione è andata bene non ci sono stati errori e che con il passar del tempo tutto si aggiusterà e riavrò la corretta funzionalità del mignolo e di tutta la mano. Vi chiedo gentilmente un parere a riguardo e con l'attesa di una vostra risposta vi porgo i miei più cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Michele Milano
48% attività
4% attualità
20% socialità
MONCALIERI (TO)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Non posso che concordare, almeno da quanto emerge dalla RMN, con il collega che l'ha sottoposta ad intervento.
Sembrebbe infatti che la responsabilità di questa rigidità sia da attribuire a delle aderenze (con un bel po di fisioterapia la situazione dovrebbe migliorare).
Il tumore gigantocellulare purtroppo, pur essendo benigno, ha un'alta percentuale di recidiva, ed è pertanto estremamente probabile che, facendo numerosi interventi, si vengano a determinare delle aderenze dell'apparato tendineo.
Le faccio tanti auguri
[#2] dopo  
Utente 733XXX

Iscritto dal 2008
Dr. Milano, la ringrazio tantissimo per avermi risposta...è stato molto esaustivo....grazie grazie e grazie ancora!