Utente 137XXX
Salve, grazie per l'attenzione!
scrivo per porre un dubbio che mi crea angoscia.
Ho 22 anni.
9 giorni fa, il 14 mattina, mi sono fatto operare per il setto nasale deviato e per una ipertrofia dei turbinati(Leggera, ma da correggere).


Tutto bene, mi hanno messo le placche (niente tamponi) e le hanno rimosse venerdì scorso(a 7 giorni dall'intervento). Mi hanno detto che potrò tornare a lavorare già dal 1° marzo(ruolo: vigile del fuoco discontinuo...).

Stanotte è capitato un fatto molto grave ad un amico e (forse sbagliando) sono uscito di casa. Ho guidato venti minuti un pò agitato(sia per il fatto, sia per essere uscito di casa prima dei 15 giorni con la paura che potessi sanguinare), e mentre guidavo ho avvertito delle vampate di calore sul naso, agitazioni... Non ho sanguinato.

Non so se è una mia illusione, ma mi sembra di non vedere più un filino bianco dentro la narice(vicino ad una crosticina che non noto più), il e avverto di meno la sensazione di addormentamento sul palato(sopra gli incisivi) che avevo.
Quando respiro(pure in casa) mi sembra di sentire le mucose più sensibili al freddo.


Con una lampadina che fa luce, mi sembra di vedere i tessuti dentro la narice rossicci e lucidi(non so se erano già così, ricordo di aver guardato l'ultima volta quando avevo le placchette)
Dovrei telefonare in reparto e chiedere gentilmente se c'è la possibilità di un controllo o posso ignorare queste cose?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alberto Diaspro
28% attività
4% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno
ritengo che la sua proposta espressa nelle ultime due righe del suo messaggio possa essere una buona idea.
La conforto precisando comunque che quanto riferito riveste caratteri di assoluta normalità ma un consulto con il suo chirurgo di fiducia potrà definitivamente tranquillizzare le sue numerose ansie.
Cordiali saluti