Utente 226XXX
Cari Dottori,ho già scritto altre volte su questo forum ed ho sempre ricevuto risposte esaustive,solo questo grazia a Voi che siete sempre presenti e disponibili.

Io ho 23 anni e due anni fa ho effettuato una visita cardiologica per problemi d’ansia…e mi è stato riscontrato un lieve prolasso mitralico..questo è quanto:

Ventricolo sinistro di dimensioni normali con buona cinesi globale e segmentaria. FE stima 65%.
Pattern flussimetrico transmitralico nella norma.
Mitrale con lieve prolasso telesistolico dei lembi,associato a rigurgito eccentrico di grado lieve…
Atrio sinistro normale.
Radice a ortica ed aorta ascendente di calibro regolare.
Valvola a ortica tricuspide con normale apertura sistolica.
Sezioni destre normali con buona cinesi ventricolare.
Insufficienza tricuspidale lieve con PAPs 30mmHg.
Pericardio indenne.
Cava inferiore normale.
Aorta addominale di calibro regolare.

Tutto questo è accaduto due anni fa,ora ho già prenotato una visita cardiologica di controllo…
Ma devo aggiungere che rispetto a due anni fa sono aumentata di circa 40 kg a causa di assunzione di un medicinale che mi porta ad ingrassare e che purtroppo devo continuare a prendere,almeno ancora per un po’ di tempo.
Volevo sapere se il cambiamento di peso potrebbe incidere sul prolasso della mitrale e se potesse portare ad un infarto nella mia situazione. Voi che ne pensate?

Quando cammino mi affatico spesso,sudo tanto e mi ritrovo il viso rosso..ovviamente è soprattutto il peso a fare tutto ciò…non sono abituata ad un peso del genere ed è normale…ma può essere il cuore?

Io una settimana fa ho fatto anche le analisi di routine e i risultati più importanti in questo caso sono:

COLESTEROLO 166mg/dL (0-200)
HDL COLESTEROLO 41mg/dL (55-200)
TRIGLICERIDI 149MG/dL (0-200)
LDL COLESTEROLO 95mg/dL (o-100)
LDH 529U/l (240-480)

Ecco tutto…la mia situazione potrebbe essere rischiosa? Dalle analisi di routine si vedrebbe se fossi in una situazione a rischio?

Mi scuso per essermi prolungata troppo…ringrazio tutto Voi anticipatamente.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
VA sempre distinto l'atteggiamento prolassante di uno dei due lembi valvolari mitralici dal vero e proprio prolasso, che invece e' una malattia vera e propria.
Da cio' che lei scrive lei ha un piccolo prolasso che non desta preoccupazione.
Il sovrappeso marcato che lei riporta invece rappresenta un fattore di rischio notevole e che deve ridurre.
Riduca il peso corporeo, cammini a passo svelto almeno un'ora al giorno ed ovviamente stia lontana dal fumo
Arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 226XXX

Iscritto dal 2011
Anzitutto grazie mille per la sua celere risposta.

Però non ho capito...è il peso che può incidere sul prolasso o è un rischio di per sé?

Quindi questo significa che ho un elemento rischio cardiovascolare?
Ieri ho già iniziato la dieta ma per quanto riguarda il camminare ogni giorno ho paura che sforzandomi io possa sentirmi male.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non e' un rischio per il prolasso. E' un rischio cardiovascolare a se stante.
Per ridurre il peso, oltre a mangiare meno, occorre aumentare il consumo di calorie e quindi camminare
Arrivederci