Utente 338XXX
Buongiorno.
L'anno scorso a febbraio ho avuto un infarto a 35 anni dovuto alla chiusura di una vena perferica trattata con stent medicato dopo angioplastica.
Da allora prendo la seguente terapia farmacologica:
SEQUACOR DA 1,25 MG la mattina
EFIENT DA 10 MG dopo pranzo
CARDIOASPIRINA E TORVAST DA 20 MG la sera
Il torvast mi è stato abbassato da 40 mg perche avevo il colesterolo sotto i 100...
Ora ho fatto il controllo ad un anno dall'infarto e mi è stato detto di levare EFIENT,ma di mantenere tutto il resto anche se l'ecocardiogramma ha evidenziato che è tutto ok(il cardiologo della asl mi ha detto che posso fare tutto come una persona normale).
Volevo sapere, posso inserire una medicina che prendo la sera a pranzo visto che non prendero' piu efient,in modo da prendere una medicina alla volta(colazione,pranzo,cena)?
E ancora,questa terapia farmacologica non è cmq eccessiva visto che mi hanno detto che tranne un leggero rigurgito mitralico ora il mio cuore è ok? grazie mille per l'attenzione e per eventuali risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Può prendere il Torvast alla sera, mentre come ben sà la cardioaspirina va assunta dopo il pasto principale e il sequacor invece deve continuare ad assumerlo al mattino. Sulla sospensione dell'Efient non posso esprimermi, perchè dipende da una serie di cose che solo il cardiologo che la conosce può valutare (ad esempio il tipo di stent che è stato impiantato). Per il resto un infarto a 36 anni non deve assolutamente farla "dormire su 4 cuscini"...se ha avuto un infarto così giovane è perchè probabilmente ha un alto rischio cardiovascolare. Certo che può tornare ad una vita normale, ma deve fare molta attenzione ad eliminare i fattori di rischio eliminabili e a fare controlli medici adeguati nel tempo (a mio giudizio anche una coronarografia di controllo per esser certi che lo stent non si richiuda o che nuove coronarie possano ammalarsi nel tempo). Le consiglio di leggere lo speciale salute http://www.medicitalia.it/salute/infarto.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 338XXX

Iscritto dal 2014
Innanzitutto grazie per la risposta tempestiva.
Aggiungo che il tipo di stent impiantato era di tipo medicato e mi è stato detto che la doppia terapia antiaggregante termina in questi casi ad un anno,ovviamente se l'ecocardiogramma risultava buono(cosi è stato).
La cardioaspirina l'ho sempre presa la sera col torvast,perche appunto avevo l'efient a pranzo...quindi una volta eliminato posso spostare la cardioaspirina a pranzo,è corretto?
riguardo ai fattori di rischio al momento del malore avevo la familiarita' ed il fumo,dal momento in cui mi è venuto non ho piu toccato una sigaretta...
faccio esami del sangue ogni 3 mesi circa ed ecocuore ogni 6...
ad aprile avro' anche la seconda prova da sforzo.
Psicologicamente mi sento abbastanza a terra ed ho il timore di tornare a fare una vita normale,spero solo che un giorno tornero' ad avere il coraggio di affrontare nuovamente la vita col sorriso...
Grazie ancora per il suo tempo e per un eventuale risposta sui tempi della terapia farmacologica.