Utente 340XXX
Salve a tutti vorrei parlarvi del mio problema. La scorsa settimana sono stato ad Amsterdam e sebbene io non sia per nulla consumatore abituale nè di marijuana nè dei alcolici e neppure fumatore di sigarette, trovandomi in quella città insieme ad amici ho deciso di provare un pò di "tipicità" locali come appunto la Ganja. Le prime due sere il consumo è stato moderato e non ho avuto particolari effetti. L'ultima sera, come al solito avrebbe dovuto essere indimenticabile e così ho deciso di tirare un pò più la corda. Dopo aver bevuto un energy drink(monster) siamo andati in un pub. Qui ho bevuto circa 66 cl di birra (molto leggera credo sui 4°) dopodichè sono uscito fuori e i miei amici hanno rollato una canna particolare, solo marijuana avvolta in una cartina di tabacco pressato. Dopo averne fatto 5/6 tiri ho iniziato a sentirmi molto male. Camminavo avanti e indietro ansiosamente e nella mia mente temevo di non poter più tornare normale. I miei amici mi hanno detto che sembravo un robot dato che mi muovevo in modo sempre uguale e ripetitivo. Quando anche gli altri hanno iniziato a capire che stavo davvero male ci siamo avviati verso l'hotel. Mentre camminavo il mondo ha iniziato a sembrarmi sempre più lontano. Dopo poco sono caduto a terra, la vista mi si è annebbiata e mi sono iniziate le convulsioni. E' stato il momento più brutto di tutta la mia vita. Quando pensavo di essere morto ho avuto come un colpo al petto, mi sono seduto di scatto e ho inziato a urlare.
Non riuscivo più a controllare il mio corpo.Hanno chiamato l'ambulanza. I medici per nulla proccupati mi hanno semplicemente misurato la pressione e dato una coca cola da bere, dicendo che questa mi avrebbe causato il vomito. Effettivamente dopo poco ho vomitato moltissimo ed è stata quasi una liberazione. Tornato in hotel in taxi cercavo di restare sveglio temendo che se mi fossi addormentato sarei morto. In hotel, dopo aver di nuovo vomitato ho iniziato a comportarmi in modo incredibile. Mi muovevo come un matto e non riuscivo a controllare neppure le espressioni facciali. Ero in preda ad un panico incredibile. Dopo circa un'ora sono rinsavito e mi sono addormentato. La mattina dopo seppur lucido mi sentivo la mente"ovattata" e avevo l'impressione di distrarmi continuamente. Tornato la sera in Italia non avevo quasi più nessun sintomo. La notte tuttavia, svegliatomi alle 4 sono stato di nuvo preso dal panico mentre la mia mente continuava a produrre un flusso interminabile di pensieri negativi incontrollabili. Ora sono passati 3 giorni e sto bene a parte una strana sensazione di opprressione al petto. Vorrei sapere cosa mi è successo e quali siano le possibili conseguenze. Premetto che non penso di fumare mai più.
Grazie per l'attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Ha avuto effetti prevedibili con l'uso di queste sostanze. Questo tipo di reazioni tende a risolversi in diverse settimane. Altre volte è semplicemente l'inizio di un disturbo che sarebbe venuto comunque, con alcuni sintomi più vividi e accentuati, e in quel caso va trattato indipendentemente dal fatto che sia venuto con l'uso di sostanze.
[#2] dopo  
Utente 340XXX

Iscritto dal 2014
Innanzitutto grazie per la risposta. Volevo però sapere di quale disturbo si tratterebbe e quali sarebbero le misure da attuare. Perché veramente mi ha spaventato molto..
[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Di solito sono disturbi assimilabili ai disturbi d'ansia (panico, disturbo ossessivo). Le terapie farmacologiche sembrano funzionare allo stesso modo se l'uso di è interrotto.