Utente 782XXX
Salve,
ho 33 anni e da diverso tempo ho dubbi sul mio desiderio sessuale di coppia.
Penso che in primis che il problema sia legato che fin dalla mia adolescenza fin ad ora, ho dato troppo spazio alla masturbazione: capitando quasi tutti i giorni e anche più volte al giorno. Difficilmente riuscivo ad astenermi per più di qualche giorno. A volte ne sentivo il desiderio anche fuori casa e accontentavo il mio corpo.
Ovviamente la maggior parte della mia attività di autoerotismo è stata accompagnata da materiale pornografico e erotico preso su internet (anche videochat erotiche).
Purtroppo la mia attività di masturbazione si verificava anche durante tutti i miei rapporti di coppia che ho avuto negli anni passati (3-4 anni fa) e anche di recente (fino a qualche mese fa). E trovavo a volte più piacere nella masturbazione (e nel sesso orale) che nel rapporto vaginale.

Nella mia ultima relazione addirittura già dai primi rapporti sessuali non provavo grande attrazione fisica, facendo l'atto come un impegno nei confronti della mia lei, e questo mi era successo con un altra donna alcuni mesi prima con cui ho avuto solo 2 rapporti sessuali.
Avevo praticamente la libido a zero.

Non ho problemi di erezione, o per lo meno, se faccio l'atto sessuale l'erezione si mantiene nel primo rapporto, però se ho un secondo rapporto consecutivamente diventa difficile mantenere il pene duro. Oltre che non ho nessun desiderio di fare un secondo atto sessuale, se non per il piacere della mia donna.

Cosa dovrei fare?

PS: ho un varicocele di 3°/4° grado.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
il varicocele c' entra poco. Il desiderio sessuale ipoattivo dipende da problemi prostatici, ormonali e psicogeni. L' uso di materiale erotico fra propendere per la terza causa. Senta esperto collega dal vivo, che le darà opportuna terapia.