Utente 942XXX
Gentili Dottori,
scrivo per mia madre, una donna di 67 anni che circa un mese fa ha avuto un episodio di fibrillazione a causa quale è stata ricoverata in terapia intensiva cardiologica e durante il quale le è stata praticata una coronografia che ha dato esito negativo e infatti è stata prontamente dimessa. Dal giorno stesso delle dimissioni però abbiamo visto un progressivo peggioramento delle condizioni di mia madre che di ora in ora diventava debole, inappetente e sonnolente...abbiamo eseguito le analisi del sangue che mostravano un emocromo totalmente sballato e un'emoglobina a 6.9 che ha reso necessario procedere prontamente ad un ricovero per trasfusione; le è stata praticata anche una gastroscopia risultata negativa ed è perciò stata dimessa con la prescrizione di una cura di ferro.
a distanza di un giorno si sono però ripresentati tutti i sintomi da emoglobina bassa e abbiamo pertanto ritenuto di portarla in una nuova struttura ospedaliera dove in effetti l'emoglobina è risultata a 7.3 e dove le è stata subito praticata una colonscopia risultata negativa. Oggi ho parlato con un medico che mi ha detto che i marker tumorali hanno dato esito negativo...Ora, la mia domanda è questa: potrebbe questo improvviso calo di emoglobina essere stato causato dalla coronografia? potrebbe l'esame aver causato la perforazione di un'arteria che causa questa emorragia?
Mille grazie anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se ci fosse stata una emorragia cosi importante da portare a questi valori si sarebbe notato un ematoma vistoso nel luogo di puntura dell arteria ( femorale o radiale).
Dato che gli esami endoscopici sono risultati negativi resta da indagare l aorta addominale, ma sono certo che una TC addome e toracica sia gia stata eseguita, al fine di escludere un sanguinamento di tale vaso legato alla procedura.
Altra ipotesi una anemia emolitica da farmaci, in tal caso la bilirubina e LDH dovrebbero essere elevati nel sangue.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 942XXX

Iscritto dal 2008
Gentilissimo Dottor Cecchini,
la ringrazio tanto per il rapido riscontro.
Purtroppo i medici che hanno fino ad ora visto mia madre non hanno reputato necessaria la tc, ma solo l'ecografia (...)
Partendo dal presupposto che mia madre godeva di buona salute fino al giorno dell'esame alle coronarie secondo Lei sarebbe plausibile l'ipotesi di una nefropatia da mezzo di contrasto? Se si bisognerebbe fare al più presto una dialisi?
Grazie ancora Dottore.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Non vedo il nesso tra l'anemizzazione ed una insuficienza renale acuta da mezzo di contrasto.
Tale diagnosi si puo' postulare semmai in base ai valori di azotemia e creatininemia.
Ritengo comunque consigliabile una TC toraco addominale per escludere ematomi periaortici
Arrivederci
[#4] dopo  
Utente 942XXX

Iscritto dal 2008
Grazie ancora Dottore,
non capisco perché i medici che hanno in cura mia madre non la reputino utile...a questo punto chiederò esplicitamente che dispongano quanto prima una tac.
Grazie ancora, La terrò informata.
Buona giornata e buon lavoro.
[#5] dopo  
Utente 942XXX

Iscritto dal 2008
Dottore Buonasera,
sono ancora a chiederLe un parere...stasera ho parlato con uno dei medici che hanno in cura mia madre; dice che il consulto con l'ematologo oncologo è andato bene, manca solo la seconda parte di un test (coombs?). Alla mia richiesta di eseguire una tac si è mostrato perplesso in quanto non saprebbe se farla al sistema cardiocircolatorio o agli organi interni e poi dice che è passato troppo poco tempo dalla coronarografia e che non è quindi opportuno usare ancora liquido da contrasto...
Oggi l'emoglobina era a 6.2, sta facendo un'altra trasfusione, non so più che pensare,sono preoccupata... Lei pensa che sarebbe così deleterio eseguire una tac a breve distanza dalla coronarografia?
Grazie mille per la Sua disponibilità.
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il test di Coombs serve ad escludere una anemia emolitica ma in tal caso un banale esame come il dosaggio della bilirubina e del LDH basta per confermare o smentire tale diagnosi.
Se però pensassero ad un anemia emolitica l esame deve essere eseguito immediatamente non certo dopo giorni
La saluto
[#7] dopo  
Utente 942XXX

Iscritto dal 2008
Dottor Cecchini, grazie ancora!
Sono di rientro dalla clinica dove il medico ci ha comunicato che anche la seconda parte del test di Coombs ha dato esito negativo ma ahimè, alla richiesta di eseguire una tac ha ribadito che lui non la reputa opportuna in quanto è troppo recente (un mese) la coronarografia.
Lei che ne pensa?
[#8] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Se mi pone le stesse domande riceverà le stesse risposte.
La saluto