Utente 348XXX
Buongiorno, vorrei chiedere un consulto>
Ho effettuato trattamento con botulino per iperidrosi ascellare più di una volta e il risultato è stato davvero buono, però a distanza di tempo mi si è ridotto il problema localmente, mentre sembra che lo stesso si è diffuso maggiormente ad altre zone circostanti, come il tronco, dove prima non avevo questo problema. E' possibile un fenomeno del genere? come posso risolverlo? Grazie per l'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Salve.

Il "fenomeno" di cui parla viene definito ipersudorazione o iperidrosi compensatoria, frequente con l'intervento chirurgico di gangliectomia (simpaticectomia)...ma non con l'utilizzo della tossina botulinica.

http://www.medicitalia.it/minforma/medicina-estetica/403-tossina-botulinica-iperidrosi.html


Ne ha parlato con il Collega che ha eseguito il trattamento? Sono state effettuate delle indagini in merito a quanto da Lei descritto?


Prego.
[#2] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Carissimo dr. Marcolongo, che piacere sentirla! il trattamento che ho effettuato più volte, l'ho effettuato proprio con lei, e ripeto ancora una volta che è stato una salvezza mi ha quasi eliminato il problema, cosa che non avrei mai pensato di risolvere, e mi sono trovata davvero bene, lei è uno dei medici più competenti e gentili che abbia mai incontrato, uno dei pochi. Il motivo per cui non ho subito riferito a lei questo problema é perché ultimamente ho avuto altri problemi di salute, non di medicina estetica ho contratto un virus, Epistein Barr, e sono stata molto male con persistente febbricola, da più di un anno ho la vista offuscata, e tutt'ora sto facendo molte visite e mi sembrava riduttivo voler risolvere ''l'ultimo'' di questi problemi, potendo essere questo anche una conseguenza di un altro. Quindi ho chiesto questo consulto proprio perché volevo sapere se poteva essere collegato alla tossina, e lei mi ha appena detto che difficilmente lo è, per poter escludere questa opzione e magari analizzare prima gli ormoni dato che dall'eco pelvica é risultato : aspetto finemente microcistico disfunzionale, mi domando potrebbe essere questo? potrebbe essere utile una visita ginecologica? ultimamente molti medici incompetenti mi hanno indirizzato sulla strada sbagliata, facendomi effettuare visite su visite e un parere di una persona come lei é sempre utile e benaccetto, la ringrazio moltissimo per l'attenzione. Distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

mi spiace che il Suo anonimato su questo sito non mi permetta di focalizzarla; desidero comunque ringraziarla per le lusinghiere e gentili parole espresse nei miei confronti e soprattutto verso il mio operato.

Per quanto riguarda gli ultimi aggiornamenti sulle indagini eseguite, pur con i limiti imposti da una postazione telematica, Le consiglio di consultare lo specialista Ginecologo di Sua fiducia e di non trascurare un approfondimento diagnostico relativo alla ghiandola tiroidea.


Mi ritenga pure a Sua disposizione per ogni ed eventuale aggiornamento.


Prego.

I miei più cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 348XXX

Iscritto dal 2014
Carissimo Dr. Marcolongo,
Si figuri, é giusto che una persona come lei venga elogiata per i suoi effettivi meriti.
Comunque la ringrazio infinitamente per il consiglio, mi fido del suo parere e al più presto farò dei controlli nel campo ginecologico. Per quanto riguarda la tiroide, visto che ho già indagato in questo campo le vorrei far conoscere gli esiti:
-gli ormoni sono nella norma;
-ECO TIROIDE: ghiandola tiroidea in sede, di dimensioni superiori alla norma con lieve bozzatura dei margini posteriori (diam. trasv.lobo dx mm.16.8/ diam.trasv. lobo sx mm.19.7); la struttura parenchimale appare a tessitura diffusamente grossolana e disomogenea per area nodulare ad aspetto isoipoecogeno di mm.18.2 al III inferiore del lobo sinistro. Iperplasia ghiandolare ad impronta nodulare colloidale.
-Agoaspirato effettuato per nodulo alla tiroide: isolati tirociti normali su sfondo ematico (TIR1)
Mi consiglia ancora di rivolgermi un buon endocrinologo, o non ci sono esiti negativi rilevanti? Ho preso solo del Normotir per breve periodo, con scarsissimi risultati.

Un'ultima curiosità visto che ha messo a disposizione, gentilmente, il suo tempo per il mio problema: la vista doppia che ho potrebbe essere collegata agli ormoni o al virus che ho contratto? due oculisti mi hanno detto di avere vista 10/10, e non so a chi rivolgermi o a quale campo fare riferimento. La ringrazio nuovamente, Cordiali saluti a lei.
[#5] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
12% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2009
Confermo quanto già scritto nel mio precedente consulto e dopo il Suo ultimo post farebbe bene a consultare anche lo specialista endocrinologo.


Auguri per tutto.