Utente 353XXX
Buongiorno, questo consulto lo chiedo per mio marito che ha 38 anni.
A marzo 2014 in seguito ad un mio aborto spontaneo riferisce di avere un calo della spinta sessuale, in realtà riferisce di avere meno erezioni provocate da eccitazione ma a livello di qualità sono ottime tanto da avere rapporti sessuali penetrativi e soddisfacenti per entrambi.
Ha riferito questo disturbo al medico curante che gli ha prescritto la paroxetina ma dopo 2 mesi di cura ci siamo rivolti ad un neurologo che gliela ha sostituita. La vecchia cura gli causava anche forte ansia e una grave insonnia sintomi che con la nuova cura (circa iniziata da 5 giorni) sono totalmente spariti.
Mio marito riferisce che quando stava bene gli bastava abbracciarmi o baciarmi per avere eccitazione ed erezione ora invece l'eccitazione si presenta solo dopo erezione.
Ha fatto ecocolor doppler ed è risultato perfetto, ma nonostante il risultato pensa di essere impotente.
Può essere lo stress e la sola preoccupazione di esserlo che gli inibisce l' eccitazione?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

potrebbe trattarsi di un calo ormonale dovuto a situazioni stressogene, ripeta l'esame ormonale chiedendo il Testosterone totale, LH, Estradiolo e la PRL e quindi poi se lo desiderasse ci faccia sapere.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Genrile Signora,
Mi associo alle indicazioni del dr. Maretti.
Se la valutazione andrologica ha escluso cause organiche, non significa che non ve ne siano altre psichiche...
La sfera della sessualità è strettamente correlata- a livello simbolico- con quella della fecondazione...

Un aborto, anche se spontaneo, evoca sentimenti di fallimento, di impotenza generativa, di non prosecuzione della specie e così via....

Anche nell' uomo, così come per la donna, un' interruzione di gravidanza genera un dolore, il lutto per una perdita, da rispettare ed analizzare..
La sessualità " dopo" diventa meno spontanea, meno ludica, più finalizzata all' eventuale concepimento, ma evoca elementi mortiferi.


Suo marito si sente impotente, in effetti un deficit erettivo porta un' identificazione dell' uomo con la sua disfunzione, l' uomo infatti non ha una disfunzione, ma " è" la disfunzione: non ha un deficit erettivo, ma è impotente, in tutti gli ambiti della sua vita psichica ..

Le allego qualche lettira, ma l' approccio dovrebbe essere poliedrico e tenere presente gli aspetti emozionali, relazionali, psicologici ed intrapsichicici sempre correlati al d.e


Una scrupolosa diagnosi clinica, anche psico/sessuologica inoltre, può quantizzare ed investigare gli "aspetti ansiogeni" sempre presenti nel disagio sessuale, comprendendo inoltre se sono " causa o effetto" della disfunzione.



http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/1225-deficit-erettile-problema-coppia-ruolo-partner.html

http://www.medicitalia.it/salute/disfunzione-erettile

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1929/Mancanza-d-erezione-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1593/Mancanza-d-erezione-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/106/Dipendenza-psicologic
http://www.medicitalia.it/minforma/Psicologia/1225/Deficit-erettile-un-