Utente 354XXX
Cari dottori,

a Luglio dopo aver avuto un rapporto orale ho contratto la gonorrea. Mi è caduto il mondo addosso perché non pensavo di poter contrarre tale malattia in questo modo. Lo stress è stato altissimo poiché non ho potuto aver rapporti con la mia partner fissa e quindi dare spiegazioni abbastanza evasive fino alla confessione. Ho assunto fino al 18 agosto per una settimana bactrim mattina e sera, ciproxin 4 giorni mattina e sera, rocefin 10 gg via intramuscolare. Debellata la malattia ho notato il 18 agosto delle escoriazione alle intertigini dell'inguine a causa del molto sudore, che si sono trasformati in funghi estesi sullo scroto. Una crema data in farmacia ha fatto regredire il fenomeno e in più sto prendendo fermenti lattici su consiglio del farmacista.
Arrivo al dunque però, due venerdì fa, dopo aver alzato un po il gomito sono tornato a casa con la lingua bianchissima. Da quel momento sono entrato in uno stato di paranoia incredibile. Controllo sempre la mia bocca (ho avuto in precedenza a metà agosto per qualche giorno gengive gonfie e piccole escoriazioni forse dovute ad un piatto di pasta supersalato mangiato solo per non offendere il cuoco). Sabato scorso dopo aver bevuto qualche birra mi sono svegliato il giorno dopo con lingua bianca e un filamento sulla guancia che ho tolto, notavo una forte secchezza della bocca. Da qualche giorno noto al risveglio una secchezza pazzesca, salivazione azzerata e filamenti bianchi sul sotto del labro e sulle gengive che si tolgono sciacquando la bocca. La lingua resta bianca.
Per migliorare la situazione alla mattina bevo moltissimo, l'acqua mi da sollievo e mastico gomme senza zucchero che mi restituiscono salivazione. Le mie gengive laterali nell'arcata inferiore sono infiammate. La lingua è bianchissima la mattina ma con l'assunzione di cibo e di acqua migliora sensibilmente, per tornare bianca dopo lo sport o dopo il risveglio, in entrambi casi minima. Ho due piccole protuberanze sul lato sinistro della lingua quasi sulla punta che mi escono spesso occasionalmente, soprattutto quando mi sento disidratato.
Sono molto impaurito da questa situazione e non riesco a non pensarci, controllo così tanto la mia bocca che ho fatto gonfiare il frenulo della lingua a forza di muoverla e tirarla fuori o in alto. Leggendo su internet mi sono ancora più rattristito perché sembra che alla mia età, 22 anni, tale sintomo nasconde patologie gravissime.

Con affetto auguro a tutti voi buon lavoro

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
quello che le è capitato fortunatamente è curabile e quindi penso che dai controlli che avrà effettuato,la malattia è stata eradicata.
Il punto è che la terapia antibiotica così pesante altera la flora anche della bocca e spiega i suoi sintomi, mentre lo strascico psicologico, dalle sue parole, rimane molto alto con note ansiose spiccate.
Il suggerimento è di pensare positivo : è stata una brutta parentesi dalla quale trarre degli insegnamenti per il futuro; a 22 anni si guarisce facilmente, ci sono poche malattie ed è un tempo bellissimo della sua vita: non lo perda in paure e angosce che esistono solo nella sua testa senza alcun riscontro medico.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 354XXX

Iscritto dal 2014
Gentile Dott. Ponzi,

La ringrazio sia per la veloce risposta che per il conforto che mi ha espresso. Purtroppo il tutto è successo dopo un periodo intenso ma pieno di successi e mi ha fatto cadere dallo sgabello.
Le colture e i tamponi arriveranno domani ma comunque i sintomi tipici della Gonorrea si sono interrotti 28 giorni fa, con la prima puntura del mio ciclo antibiotico.
Seguirò il suo consiglio cercando di non pensarci anche perché la notte mi sveglio spesso in preda ai pensieri che sembrano non voler uscire dalla mia testa anche durante il sonno.

Le auguro un buon lavoro
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Jacopo Cioni
20% attività
0% attualità
0% socialità
FIRENZE (FI)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2001
Salve
Concordo con la risposta del collega, non si lasci abbattere e mantenga sangue freddo e positività.
Probabilmente avrà le risposte dei tamponi. Con molta probabilità si è instaurato un fungo anche a livello orale. La terapia antibiotica forte e prolungata ha eradicato i batteri orali dando campo libero a microrganismi micogeni. Si tratterà di intervenire con appositi farmaci e per lungo periodo in quanto i funghi sono subdoli e quando si pensa di aver risolto tornano alla carica.