Utente 359XXX
Salve,

scrivo perchè ho bisogno di un Vs gentile consulto in merito a quanto segue:
da un paio di mesi a questa parte avverto un sintomo strano, mai sentito prima, si tratta di piccoli
colpi che provengono, a mio avviso, dalla parte bassa della gola, direi circa dall'altezza del pomo d'adamo. Non sono stati così frequenti fino a circa 15 giorni fa (uno al mese circa), quando ho cominciato a tossire sempre di più fino ad avere una tosse secca e non produttiva, molto persistente e stizzosa. Adesso i colpetti si fanno sentire anche cinque o sei volte al giorno.
Il mio medico curante sostiene che la tosse sia scaturita da un'infiammazione a livello della trachea o della laringe e non esclude il reflusso gastroesofageo come causa dell'infiammazione, mentre per questi famosi colpetti, non è riuscito a darmi una risposta soddisfacente, nel senso che gli ha dato poco peso.
Premetto che sono un tipo un po' ansioso e quindi ho paura che possano essere extrasistole.
Premetto inoltre che circa un anno fa mi sono fatto tutti gli esami cardiologici del caso: ECG, EcoCuore, Holter 24H e non sono state riscontrate anomalie di sorta.
Resta però il fatto che questi colpetti si sono fatti vivi successivamente ai miei esami e in un periodo di stress sopra la norma e che comunque a tutto questo aggiungo una sensazione di malessere continua e di mancanza di forze, considerando la mia età (27 anni) mi sembra impossibile avere un livello di forze così basso.

Attendo un Vs gentile riscontro in merito.

Saluti,

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Buonasera,
Non è facile soprattutto a distanza poterle dare indicazioni certe sulla natura dei suoi sintomi.
Il suo medico avendola visitata ha sicuramente maggiori informazioni su cui basare le sue deduzioni.
In linea generale nel caso continuassero questi "coloetti" e lei oensasse possano essere extrasistoli potrebbe eseguire un holter per chiarire l'origine.

Cordiali saluti
Alessandro Durante
[#2] dopo  
Utente 359XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per il suo gentile consulto. Le porgo un ultima domanda: secondo Lei è possibile che quando faccio gli esami clinici (hotel Eco ecg eccetera) la mia ansia è la mia tensione possa in qualche modo "falsare" i risultati in modo positivo, cioè restituendo un risultato falso-negativo?
Le faccio questo quesito perché nel periodo in cui mi sono fatto l'holter ero molto più stressato e ansioso di adesso e quindi mi sarei aspettato almeno qualche piccola distorsione, invece il risultato fu chiaro: ho un cuore sano e nel pieno delle sue funzioni. E comunque, secondo Lei se il disturbo fosse transitorio, cioè presente a periodi, potrebbe destare comunque preoccupazioni importanti a livello clinico?

Grazie.
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Durante
28% attività
12% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2014
Non sapendo a cosa sia dovuto il disturbo non è possibile esprimersi sulle sue implicazioni cliniche.
Nel caso di extrasistoli in linea generale uno stress dovrebbe eventualmente aumentarne la frequenza. Un esame di qualsiasi tipo, sia holter che ecocardiogramma che elettrocardiogramma, mostrano comunque solo la situazione di un determinato arco di tempo.

Cordiali saluti
Alessandro Durante