Utente 365XXX
Buonasera,
sono un ragazzo di 34 anni affetto da Ipp da 6 mesi, la placca di circa 8 mm mi ha causato una curvatura laterale sx di circa 10 gradi e non avverto più dolore in erezione. Sto effettuando una terapia medica orale conservativa con trental 1200 mg al giorno, 1 cp di Peironimed Plus e Cialis giornaliero 5 mg.
Mi sono rifiutato di effettuare ionoforesi e infiltrazioni intraplacca.
In attesa dell'eventuale approvazione di Xiapex e considerando che ad oggi le terapie proposte sono tutte off label, volevo sottoporvi a due domande:
1) in Italia c'è chi sostiene che l'acido ialuronico intraplacca riesca a far sparire quasi totalmente la patologia, in base alla Vs esperienza può essere di aiuto?
2)l'eventuale utilizzo del plasma sanguigno centrifugato con piastrine, già utilizzato da diversi centri per la riparazione dei tessuti molli danneggiati (tendini, cicatrici in varie parti del corpo ecc.) può essere preso in considerazione?
Ringrazio in anticipo, cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,nessuna terapia per la IPP,se realmente si tratta di IPP a 34 anni,va considerata il gold standard terapeutico.Personalmente sono contrario a terapie invasive,particolarmente quando la curvatura é mimima ed il dolore é assente.
Quanto all'acido ialuronico,così come all'utilizzo di piastrine,é ancora prematuro esprimersi.In conclusione,continui la terapia prescrittale in attesa di un approfondimento diagnostico.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 365XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno Dott. Izzo,

grazie per il Suo riscontro, in realtà mi piacerebbe comprendere le potenzialità dell'HA e delle piastrine rigenerative, (non parlo di risultati visto che non vengono utilizzati, anche se si potrebbe, visto che da 300 anni si è proposto qualsiasi cosa...), soprattutto perché sono sostanze presenti nel nostro corpo, motivo per il quale, mi sono opposto a trattamenti come il verapamil, cortisone o interferone, "veleni" in particolar modo per la TA integra in prossimità della placca.
Mi rendo pure conto delle difficoltà nel trovare una soluzione non chirurgica, quest'ultima comunque pure invasiva.
Grazie ancora, distinti saluti.