Utente 314XXX
Buongiorno.. stamattina ho fatto la visita dall'anestesista per un intervento di ernia inguinale a cui verrò sottoposto la prossima settimana..
sono alto circa 1,71 peso 69 kg.. dalle analisi è rientrato tutto nella norma, eccezion fatta per la bilirubina, trovata a circa 3, con l'indiretta molto più alta della diretta.. Qualche tempo fa, non sapendo come giustificare tali valori, il mio dottore pensò ad un gilbert, tant'è che l'ecografia non rilevò nulla di anomalo, e anche le successive analisi diedero sempre lo stesso responso.. bilirubina indiretta molto più alta della diretta..
Come mai sono stato classificato come un ASA 2? mi è stata riscontrata la pressione a 130-70.. è normale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buona sera, la P.A. massima è lievemente al di sopra della norma, ma non molto significativa poiché poteva essere agitato, anche incosciamente, per la visita: è un dato da ricontrollare ma senza ansia.
La scala ASA parte da 1: la persona sanissima con tutti gli esami in ordine e senza patologie lo è.
A lei è stata assegnata una classe 2, per il rialzo della bilirubina e la diagnosi di M. di Gilbert:non è una cosa grave, ma va seguita nel tempo controllando i valori di bilirubina ed il fegato. Il collega l'ha giustamente considerata una patologia aggiunta e le ha dato quella classificazione.
Saluti.
[#2] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
grazie.. gentilissima
[#3] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
mi scusi.. oggi sono due settimane che ho fatto le analisi del sangue e la visita dall'anestesista per sostenere l'intervento chirurgico.. ma quanto tempo può passare al max tra la visita e l'intervento? c'è un termine per legge?
[#4] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Più che termine di legge parlerei di buon senso: tra la esecuzione delle analisi (non della visita) e la esecuzione dell'intervento in genere non si lascia passare più di 30 giorni.
Tale termine può essere prorogato o addirittura abbreviato ( a discrezione del medico), in base all'età del paziente (giovane età), al suo stato di salute (buone condizioni), alla negatività degli esami eseguiti (ossia se questi sono tutti ok) ed al tipo di intervento da eseguire.
Devo comunque aggiungere che su tale tema c'è una certa differenza tra protocolli applicati.
Saluti.
[#5] dopo  
Utente 314XXX

Iscritto dal 2013
perciò secondo lei il fatto che io sia giovane e in buona salute, farà slittare l'intervento?o anticiparlo?
[#6] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non mi sono spiegata bene: Lei dovrebbe essere chiamato nei termini di validità degli esami in base alla lista di attesa. Se poi dovesse passare, per qualche motivo, più tempo, sarà la discrezionalità del collega a dover valutare se e quali esami eventualmente ripetere.
Saluti.