Utente 368XXX
Salve a tutti, ho 24 anni, sono alto circa 173 cm e peso 72kg. Quando mi siedo ho un senso di fastidio al pene, quasi un bruciore interno (uretra?) e con il passare del tempo questo fastidio è diventato sempre più intenso quasi da non poter stare più seduto (Noto anche che l'intensità con cui questo accade aumenta la sera rispetto alla mattina). Non riesco più ad utilizzare i jeans stretti (non molto stretti) e se indosso i boxer al posto degli slip i fastidi aumentano. Una cosa strana è che quando ho questo fastidio il pene sembra più freddo rispetto alla sua temperatura consueta. Da steso e in piedi (dopo avergli dato una aggiustatina dalla tasca) il fastidio scompare nella maggior parte dei casi e se rimane comunque lo fa in maniera molto molto lieve. Ho fatto già una visita urologica in cui mi è stato diagnosticato un piccolossimo varicocele di grado 1 non operabile, una cisti di 4mm all'altezza dell'epididimo (negli anni tutti gli urologi che hanno notato la cisti mi hanno detto di non preoccuparmi) e la prostata non era infiammata. Il periodo in cui ho fatto la visita (Novembre '14) i fastidi non erano così frequenti e quindi accennai solo la situazione all'urologo che mi consigliò appunto di passare dai boxer agli slip. Alla nascita sono stato operato di megauretere, 10 anni fa sono stato operato di Idrocele, e più o meno 4/5 anni fa mi è stato asportata una cisti sacro coccigea. L'anno scorso un urologo mi ha diagnosticato una prostatite che ho curato con antibiotici e integratori.
Da cosa potrebbe nascere questo fastidio? Spero di trovare una veloce soluzione al mio problema o per lo meno qualcosa da cui partire prima di ritornare dal mio urologo.
Grazie 1000

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

la sua sintomatologia è abbastanza complessa e "particolare" tanto da non poter essere inquadrata in una specifica patologia uro-andrologica
dovrebbe farsi visitare e controllare anche per gli esiti del megauretere e delle sue cause
cari saluti
[#2] dopo  
Utente 368XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per la risposta.
Nel frattempo questi fastidi sono scomparsi, secondo il mio medico si trattava di una infiammazione che è sparita con il tempo.
Adesso la cosa che mi preoccupa è che a inizio Gennaio ho fatto le mie solite analisi di routine e la beta-HCG (quantitativa) è uscita a 0.8 mentre a fine 2012 era <0.1 (il range riportato sulle analisi è 0 - 0.5).
Prima di allarmarmi volevo ripetere le analisi in un altro centro (a metà Febbraio) e nel caso la beta-HCG uscisse di nuovo elevata avevo intenzione di consultare sia un andrologo che un oncologo. C'è da preoccuparsi per il valore della beta-HCG se l'alfa-fetoproteina e l'LDH sono uscite con valori normali) (dall'ecografia di routine che faccio ogni anno di dicembre 2014 l'urologo non ha notato nulla di anomalo levando quello descritto nel post precedente)
C'è qlk altra analisi specifica che mi converrebbe fare quando vado a ripetere beta-HCG, LDH e alfa-fetoproteina? Avevo intenzione di fare uno spermiogramma quando andrò a fare queste analisi.
La cannabis fumata fino a 8 giorni prima delle analisi può aver alterato il valore della beta HCG?
Grazie