Utente 328XXX
Buongiorno,
non spiegherò tutta la mia storia altrimenti sarebbe troppo lungo da leggere.

In sintesi, 14/15 mesi fa a causa di lacerazioni a al frenulo (breve), un andrologo mi ha fatto un intervento di frenulo plastica. Da lì mille problemi, scolorimento del prepuzio, glande perlaceo e mi ritrovo ad oggi con fimosi (peggiorata dopo uso di pomata al cortisone), eczema pube, pene e scroto, probabile lichen sclero atrofico e secchezza delle mucose. Detto questo vado al punto che è quello che mi riporta all''origine e che potrebbe essere la causa scatenante della reazione immunitaria.

Io dopo tutti questi mesi se ci tocco sento ancora dolore (come un pizzico forte) nella zona dove sono stati messi i punti, in particolare nella zona dove è stato inciso (sotto al meato uretrale) e su quello che resta del frenulo che è alla base del prepuzio, come se fosse un filetto di carne che è rimasto attaccato.

Solo se ci tocco sento un forte dolore e non posso fare a meno di notare due chiazze rosse ai lati della vecchia attaccatura del frenulo, praticamente vicino e sotto al meato uretrale, per non parlare di un arrossamento della corona.

Cosa può essere? Il dermatologo ora mi sta facendo fare cura cortisonica orale, poi continuerò con quella antistaminica (anche se confesso di averne presi due in casi di forte prurito) e vea lipogel mattina e sera (anche se vorrei sapere se secondo voi è la migliore perchè ho letto di ELAGE).

A questo punto spero di risolvere brevemente con la dermatite ma non so se indirizzarmi su un intervento di correzione del frenulo o se puntare direttamente alla circoncisione e tagliare la testa al toro per poi vedere con un esame istologico se ho lichen oppure no.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,lasci che le decisioni sulle strategie terapeutiche le prende il medico,perché' rischierebbe di complicare un quadro clinico che,ancorché' complesso,credo che in breve tempo finirà 'per decantare ripristinando il benessere perduto.La circoncisione non e' una panacea,tutt'altro .Cordialita'
[#2] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Grazie della risposta dottore.

Io ho piena fiducia di chi mi segue ma purtroppo il mio scetticismo nasce dal fatto che nessun medico si è preoccupato di fare delle analisi. Attualmente da 2-3 giorni l'eritema mi è comparso anche sulle mani con secchezza, prurito e rossore nella parte superiore delle dita.

Trovo sollievo solo nelle 4-5 ore successive all'assunzione di antistaminico, con il quale ho risolto una forte orticaria avuta in età adolescenziale. Anche in quella situazione il cortisone inizialmente servì solo per sfiammare i gonfiori ma solo l'antistaminico mi riportò alla normalità.

La situazione che ora più mi preoccupa è che la fimosi è aumentata e ho difficoltà di scoprire il glande anche a riposo ed è iniziato a spellarsi prepuzio e glande. Questi sono peggioramenti della malattia è sono gli effetti finali dell'eczema?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...sensibilizzi lo specialista di riferimento o,in alternativa,ne consulti uno diverso.Cordialità
[#4] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno cari dottori, vi aggiorno.
Sono tornato dal dermatologo e ha cambiato terapia perchè con il Medrol non c'è stata risposta.
Stamattina ho fatto la prima iniezione di bentelan 4mg da dover fare fino ad un massimo di 7 giorni in base alla risposta e poi 3 iniezioni da 1mg. Mi ha cambiato l'antistaminico che ieri sera avuto un effetto migliore sul prurito.
Ora spero che questo cortisone faccia effetto perchè non ne posso più di questa orticaria....

Detto questo vorrei un eventuale chiarimento. Dopo l'operazione di frenulo plastica mi è rimasto un cordoncino di carne, circa mezzo centimetro lungo la cicatrice (più o meno a metà). Sinceramente fino a qualche tempo fa era piccolissimo e avevo solo un po di sensibilità in più in quel punto, come se il frenulo fosse stato spostato più in basso. Ora però in questa situazione il cordoncino si è un po gonfiato, è più chiaro, duro ed è molto sensibile, appena lo tocco sento un forte dolore e brucia terribilmente sia con acqua che urina. Cosa può essere? Ho letto di papilloma, granuloma... possibile? Grazie
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...senza poter vedere di persona si rischia di esercitare la fantasia,per cui ne parli con lo specialista di riferimento reale.Cordialita'
[#6] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Dottore ho capito che la sua priorità è quella di indirizzare tutti dallo specialista ed infatti ne ho girati già diversi che forse tanto specializzati non sono visto che ognuno mi dice una cosa diversa e continuano a cambiarmi terapia senza fare un minimo di esame.

Detto questo la mia domanda era un'altra, esiste questo tipo di patologia? E' possibile che abbia contratto qualcosa dopo la frenuloplastica che mi abbia portato tutte le complicazioni del caso?

Ovvio che vorrei andare dall'urologo ma cosa ci vado a fare se prima non mando via questo eczema che mi sta torturando? Così come quando illustro i problemi relativi al dermatologo mi dice di andare dall'urologo una volta risolto il problema epidermico.

La mia domanda è semplice, è se il tutto fosse collegato? Cioè se l'eczema fosse stato causato da infiammazione, fimosi, non ho idea di cosa? Potrei pensare di procedere alla circoncisione con questa situazione di rossore e prurito su tutte le parti basse? La verità è che avrei dovuta farla mesi prima invece di iniziare con la cura con la pomata al cortisone :-(

Scusi il tono ma sono proprio depresso e rammaricato perchè questa situazione mi sta mandando al manicomio e il cortisone non sembra essere efficace come io desidero.

Se avessi avuto tutto le risposte dagli specialisti che ho consultato non sarei venuto qui a far domande.
[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...è in evidente confusione di ruoli.Non capisco cosa voglia intendere per priorità...In medicina,prima di prescrivere una terapia,si pone una diagnosi.Devo credere che chi l'ha visitata abbia seguito questo iter.Se non é convinto,cambi medico ma non pretenda che noi,da questa postazione telematica,si possa contestare chi ha avuto il privilegio di visitarla.Cordialità
[#8] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Buongiorno, forse non mi sono spiegato bene, è certo, io non ho chiesto una diagnosi, ho solo chiesto se quanto descritto può essere associato ad un qualche tipo di infezione (solo ipotesi) al di là del lichen o orticaria. Se così fosse penso sia logico fare un tampone...o mi sbaglio? Sicuramente cambierò specialista perchè spesso ho l'impressione di avere di fronte persone sicuramente preparate ma non specializzate nella mia patologia. Sinceramente fino ad ora non mi è stato fatto niente di diverso di quello che avrei potuto fare da solo leggendo su internet, però è ovvio che da persona responsabile mi sono affidato a personale medico perchè non c'è cosa peggiore che fare il fai da te con la salute (questo è chiaro).

Le faccio un esempio:

Il responsabile del Centro Malattie a Trasmissione Sessuale del Policlinico Umberto I dichaira:

"Nella fase infiammatoria è possibile usare il cortisone, anche se noi siamo contrari perché uno dei suoi effetti collaterali è l’atrofia. In una patologia che provoca di per sé atrofia, il ricorso al cortisone agevola inevitabilmente il processo evolutivo. Inoltre nelle zone genitali il cortisone è poco indicato, perché può favorire processi di tipo infettivo."


Vado dal dermatologo e per 1 mese mi fa mettere crema al cortisone (cosa che da ignorante se fossi stato medico non avrei mai fatto dopo aver letto ore e ore in rete).

Risultati: Eczema e fimosi peggioratissima (in 20 giorni di applicazione).


Ora penso, è vero che la medicina non è matematica, però si mettessero d'accordo... sarò superficiale e ignorante della materia ma il ragionamento del professore del policlinico è puramente e semplicemente logico!
[#9] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...si allontani dal web.Cordialità
[#10] dopo  
Utente 328XXX

Iscritto dal 2013
Gli effetti del web purtroppo hanno peggiorato e migliorato allo stesso tempo tutti i settori ma per alcuni è ancora una spina nel fianco visto che tempo fa (in tutte le professioni) era più semplice gestire, clienti, pazienti completamente ignoranti su su specifiche necessità o patologie. Quando mi reco dagli specialisti o professionisti e gli faccio delle domande specifiche le facce che vedo mi dicono tutto e poi c'è quella risposta con un po di attesa:"mmm si potrebbe essere, possiamo vedere, allora faccia queste analisi".

Forse ho solo incontrato i medici sbagliati, come in questo consulto, ciò nonostante la ringrazio per avermi risposto. Appena passato l'eczeama andrò da un bravo andrologo, una persona che mi sembra molto preparata e che ho trovato su questo sito leggendo alcune sue risposte.
Cordialità