Utente 385XXX
Salve,

da poco ho scoperto di soffrire di ipertensione. Vivo in Irlanda ed ho scoperto la cosa casualmente, durante recenti vacanze nel mio comune in Sicilia.
I valori registrati dal mio medico curante gravitavano su 160/95 di media, con poco discostamento.
Mi ha prescritto una cura a base di una compressa di amlodipina da 10 mg al mattino ed una di doxasozina 4 mg la sera, oltre a prescrizioni su dieta e sport.
A queste ho associato una dieta ricca di vegetali, tagliando totalmente l'uso di sale e riducendo il consumo di caffè ad una sola tazza al mattino. Ho anche associato un'attività fisica quotidiana, alternando corse di mezz'ora a passeggiate a passo sostenuto di oltre un'ora.
Ho iniziato il trattamento farmacologico da 9 giorni e sto monitorando quotidianamente la pressione.
Da quando ho iniziato la terapia, la mia pressione si è assestata su valori molto alti, stabilmente sui 200/115, vedendo un peggioramento e non un miglioramento delle mie condizioni.
E' possibile che la sia risposta al trattamento farmacologico sia totalmente opposta a quanto aspettato?
Per permettere una migliore anamnesi, aggiungo di essere un moderato fumatore (6-10 sigarette al giorno) e che ho l'abitudine di bere una pinta di birra la sera.
Grazie in anticipo per la vostra risposta.
Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
la sua preoccupazione per la scoperta dell'ipertensione stride con la sua costanza nel continuare a fumare e bere la pinta di birra.
E' inutile abolire il sale dalla dieta e fare attività fisica quando poi lei fuma e beve!! E' un ossimoro!!

Sia la doxazosina che l'amlodipina sono farmaci tachicardizzanti: possono non essere indicati nella sua situazione.
Nè può, se i valori sono veritieri, portarsi appresso una P.A. di 200/115 mmhg.

Io via web non posso che prendere atto di quello che scrive: pertanto torni a visita al più presto dal Curante o da un bravo Cardiologo,e si faccia seguire. I farmaci per il trattamento dell'I.A. sono una pletora e l'abilità sta nello scegliere quelli indicati per ciascun paziente.

Cordialità.