donna  
 
Utente 381XXX
Sono una donna di 51 anni e da una quindicina di giorni mi sento stordita, confusa e avverto bruciori e dolori alla testa con successiva lacrimazione. Durante la fase del dolore ho difficoltà a muovere le gambe. A volte i dolori si attenuano e poi all'improvviso ricompaiono. Premetto che difficilmente mi preoccupo per la mia salute, ma stavolta sto iniziando seriamente A preoccuparmi per la gravità dei dolori e per il bruciore alla testa. Di cosa potrebbe trattarsi? A chi dovrei rivolgermi? Spero di avere una risposta al più breve possibile. Grazie infinite
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
è evidente che una sintomatologia come la sua non può giovarsi di un consulto web.

Vada da un bravo Nerurologo che dopo una accurata visita clinica, le imposterà una terapia o un eventuale percorso diagnostico.

Se vuole mi tenga pure agiornato.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 381XXX

Iscritto dal 2015
Va benei rivolgerò ad uno specialista. Potrebbe darmi un'anticipazione su cosa vado incontro? Di cosa potrebbe trattarsi??
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
16% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
senza un colloquio anamnestico e un esame clinico non è possibile formulare alcuna ipotesi diagnostica.

Lei parla di confusione e stordimento, di mal di testa e di un difficilmente comprensibile bruciore accompagnato da lacrimazione.

Inoltre riferisce che durante la crisi dolorosa ha difficoltà a muovere le gambe.

Capisce bene che se io non la visito non potrò mai verificare se il disturbo della motilità riferito alle gambe sia una sua suggestione o sia reale.
Non le stiamo negando il consulto le stiamo dicendo che non è possibile con sintomi così proteiformi fare telematicamente una diagnosi.

Se la cefalea è a localizzazione prevalentemente cervicale, potrebbe trattarsi di una erniazione discale a livello del rachide con lieve compressione sul sacco durale o sulla radice nervosa.
Il che spiegherebbe anche la sensazione di difficoltà alla deambulazione.

Ma sono solo ipotesi che magari in sede di visita si riveleranno del tutto infondate.
Non pensi al peggio.
Programmi, come suggerito, una visita neurologica e sempre se abbia piacere, mi tenga informato.

Cordialità.