Utente 345XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 19 anni ed é da almeno 1 anno e mezzo che soffro di insonnia. Anni fa non ho mai avuto problemi di questo tipo e cerco sempre di rispettare i consigli per dormire al meglio.
Anche se di sera mi addormento abbastanza facilmente, mi sveglio sempre al mattino presto pur essendo ancora stanchissimo, e da li non riesco più a riaddormentarmi, rimanendo ore con gli occhi chiusi (ma senza riuscire a prendere sonno). Mentre nei giorni scolastici riesco a dormire in tutto l'arco di tempo (poiché mi sveglio "automaticamente" presto), nei giorni di vacanza dormo sempre molto meno (anche perché la sera esco e quindi torno a casa sul tardi). Durante queste vacanze, di giorno, mi sento spesso assonnato e debole.
Nonostante ciò, al problema dello svegliarsi presto é legato anche un'altra questione: di giorno non riesco assolutamente a prendere sonno. E' quindi da tantissimo tempo che non schiaccio un pisolino (anche qua pur essendo stanco).
Data la mia giovane età sono un po' preoccupato per il mio ritmo di sonno...anche perché ce l'ho da più di 1 anno ormai...
Gentili medici, cosa ne pensate?
[#1] dopo  
Dr. Piergiorgio Verzilli
20% attività
0% attualità
0% socialità
ASCOLI PICENO (AP)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2013
Buongiorno , l'insonnia cronica e' un problema frequente nella popolazione generale.
Dapprima consiglierei gli esami emato-chimici routinari comprensivi di funzionalita' tiroidea , quindi resetterei il ritmo circadiano sonno-veglia ( mimando gli orari del periodo scolastico ) , non dimenticando che il nostro organismo ha "un orologio interno " ipotalamico che fa da supervisore circa la nostra vita neuro-vegetativa .
Inoltre , se in essere , abolirei sostanze eccitatorie , in primis caffeina , nicotina , coca-cola ( contiene caffeina) e the' .
Se nonostante la regolarizzazione dello stile di vita il problema dovesse persistere, verosimilmente potrebbe essere in causa uno stato ansioso latente od anche una reazione depressiva somatizzata .
Ad ogni buon conto , per evitare l'ulteriore protrarsi del problema , consiglierei di spezzare il circolo vizioso creatosi tramite lo svolgimento di attivita' fisica moderata e costante contestualmente all'esercizio di un hobby gratificante di suo gradimento .

Cordiali saluti
Dr. Verzilli Piergiorgio

[#2] dopo  
Utente 345XXX

Iscritto dal 2014
Grazie della risposta, ma io penso che come ha detto lei può esserci dietro come causa uno stato di depressione (che ho da più di 1-2 anni)...secondo lei uscendo dalla depressione potrei riuscire ad acquisire un ritmo di sonno regolare e tranquillo? Non faccio abuso di caffè o altre sostanze eccitatorie
[#3] dopo  
Dr. Piergiorgio Verzilli
20% attività
0% attualità
0% socialità
ASCOLI PICENO (AP)
Rank MI+ 20
Iscritto dal 2013
Certamente , in quanto lo stato depressivo altera l'architettura ipnica ( cioe' la fisiologica successione delle fasi del sonno ) per cui correggendo con farmaci adeguati la depressione sottesa , di cui l'insonnia e' una spia , si corregge di conseguenza lo stato patologico .
Pertanto Le consiglio una valutazione psichiatrica per la terapia piu' idonea .

Cordiali saluti
DR. VERZILLI PIERGIORGIO
[#4] dopo  
Utente 345XXX

Iscritto dal 2014
Comunque la depressione che penso di avere non é stata mai "diagnosticata", nel senso che sono l'unico ad esserne a conoscenza. Con gli altri cerco sempre di apparire il più possibile in forma, anche se dentro nutro tanti risentimenti e dubbi...
Ho appena 19 anni e non mi va di imbottirmi già di antidepressivi (e quindi di far allarmare i miei genitori)...spero che questa mia crisi riesca a superarla autonomamente, magari con il supporto di un consulto psicologico presso un consultorio locale?