Utente 293XXX
Gentile Dottore, gradirei conoscere il significato dell'esito della teletermografia eseguita in data 21/07/2015 che le riporto qui di seguito:
ESAME VIDEO-TERMOGRAFICO: ha posto in evidenza aree a maggior DT in corrispondenza delle regioni trapezoidali e vertebrali toraco-lombari compatibili con il dato clinico.
DIAGNOSI E QUESITO CLINICO: ALGIE DIFFUSE.
Le premetto che trattasi di una storia lunga che va avanti da 5 anni a seguito di un'errata e violenta manipolazione osteopatica. Ho continui dolori, giorno e notte al centro dorso, torace, collo e braccio sx, con tutto il Lyrica (150 mg.), conati di vomito, nausea, acufeni alle orecchie, ecc...eseguiti tutti esami ematochimici che risultano essere negativi, assunti farmaci Fans, eseguita fisioterapia (tecar, magneto, laser, ionoforesi, ecc..) senza alcun risultato, effettuate visite gastroenterologica, reumatologica, neurologica, chirurgia vascolare,otorino, rmn, tac, ecografie, rx torace, rx colonna, ecc....
Sono una donna di anni 42, peso kg. 43 (causa deperimento a seguito ultimo ricovero di Marzo 2015 per tale situazione invalidante). Non risco più a condurre una vita normale, non posso portare tacchi, fare sport, correre, dormo malissimo, dolori atroci soprattutto al risveglio,bruciori, brividi, ecc..
Spero possa indicarmi quale specialista sia di competenza per la mia situazione e spiegarmi l'esito della teletermografia.Resto in attesa di un suo cortese riscontro e le porgo Cordiali Saluti.
Grazie infinite.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Grosso
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
l'esame strumentale chi ci propone può essere di aiuto a formulare una diagnosi ma non è patognomonico cioè non è indicativo per una diagnosi precisa. Quello che ha messo in evidenza può appartenere a differenti patologie che solo l'analisi scrupolosa dello specialista può consentirgli di elaborare una ipotesi diagnostica.
In linea di massima ritengo che in prima istanza possa essere il Reumatologo lo specialista di partenza. Poi, via via nel percorso diagnostico, questi potrà avvalersi di altri specialisti.
Anche se lei si è già sottoposta a visita reumatologica, probabilmente è utile un ulteriore controllo e approfondimento.
Augurissimi.