Disturbo alle orecchie

Salve...

Vorrei un consiglio, il mio medico è in ferie, e tra pochi giorni dovrei partire, ho sempre sofferto di otite, il catarro mi scarica molte volte nelle orecchie creando dolore.

Erano anni che non mi accadeva più, ma da qualche giorno, sento che ho un disturbo nelle orecchie, e un po il naso chiuso, non ho dolore fortissimo, solo ogni tanto un leggero prurito, e capita, che se soffio troppo il naso, sento un dolore sopportabile, che svanisce dopo qualche secondo...

Vorrei evitare che mi venga un'otite dolorosa, premetto che sento bene, non ho nessun disturbo a riguardo, solo un leggero acufene, che ho da un po di tempo! e non ho dolore pungente come spesso mi è capitato, ma sento che ho disturbo nelle orecchie, se tappo le narici e soffio legermente, sento che si stappano...

Sto usando molta acqua di mare in spray per via nasale, per evitare il peggio, il mal di orecchie mi spaventa, e vorrei un consiglio per evitare che questo accada, sto provando anche a prendere del tachiflu, per provare a eliminare il catarro e liberare il naso, alcune volte starnutisco. potrebbe essere un leggero raffreddore!

Potreste indicarmi qualcosa per questo fastidio e partire tranquillo?

Grazie in anticipo...
[#1]
Dr. Edoardo Bernkopf Dentista, Gnatologo, Esperto in medicina del sonno 5,5k 189 26
Gentile Paziente, Capisco la sua preoccupazione per un eventuale episodio acuto che si dovesse ripresentare, ma in ragione della periodica ricorrenza credo che lei dovrebbe preoccuparsi di un problema di fondo probabilmente presente nel suo caso.
Quando una patologia si presenta come "ricorrente", spesso c’è qualcosa nel terreno, cioè nel distretto anatomico in cui la patologia “ricorre” ad attirare l’agente eziologico, che invece è innocuo per gli altri componenti della famiglia e addirittura, se monolaterale, spesso anche per l’altro l’orecchio.
In questi casi è spesso in gioco una disfunzione tubarica, cioè un cattivo funzionamento di quel tubicino (tuba o Tromba di Eustachio) che porta aria all’orecchio medio e ne drena le secrezioni. La tuba passa a pochi millimetri dall'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e per attivarla quando andiamo in montagna o in aereo, muoviamo la bocca o deglutiamo. Chi ha problemi di occlusione dentaria può (sottolineo PUO') a volte presentare un conflitto tra il condilo mandibolare e la tuba che interferisce con il suo corretto funzionamento, e sostiene, a cascata, le problematiche che dalla disfunzione tubarica dipendono, e che vanno da un po’ di cerume in più (sintomo spesso incompreso) all’Otite
Altre volte il condilo mandibolare è in rapporto traumatico con il Condotto Uditivo Esterno, e l’irritazione che vi genera favorisce l’insorgenza delle Otiti Esterne
Qualche ragguaglio in più può trovarlo a questo link (Alla terza pagina "Otite Ricorrente"):
http://www.studiober.com/patologie/patologia-dellorecchio/
N.B.: dopo aver aperto il link, si deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Forse, a lato del trattamento farmacologico dell'episodio acuto, che dà un beneficio immediato ma non evita le ricadute, in casi come il suo sarebbe il caso di valutare la presenza di problematiche strutturali e occlusali-ortodontiche.
Per questo, oltre ad approfondire le problematiche di specifica pertinenza otorinolaringoiatrica, le suggerisco di consultare anche un dentista –gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM), e soprattutto nei rapporti fra ATM e Orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Dia anche un'occhiata agli articoli qui sotto linkati.
Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/961-otite-ricorrente-colpa-dei-denti.html
https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca.html
www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, si deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test