Utente 387XXX
Salve. Vi spiego: chiesi tempo fa vari consulti per sintomi che poi in linea di massima sono scomparsi, così avevo correlato tutto ad un periodo un po' particolare nel quale mi era sopraggiunta un po d'ansia (mai sofferto ne di ansia ne di ipocondria in vita mia). Fatto sta che in tutto questo periodo estivo ho praticamente stroncato l'attività fisica(tanto che facendo piccole attività avevo il fiatone, cosa mai successa anche perché sono snello e ho sempre fatto attività) . A fatica in questi giorni ho ripreso tramite tapirulan e la seconda volta in cui ho corso(4 giorni fa) in maniera non eccessiva al termine della corsa ho avvertito battito accelerato (<120) e in più inizialmente dolori ai lati dell addome che poi si sono spostati al torace. Ho avvertito bruciore sul lato sinistro e anche sugli altri lati di lieve durata ma abbastanza continuo, inoltre quella sera stessa mi sono disteso al termine della corsa e ho avvertito come una pesantezza al centro del petto per pochi secondi. La mattina dopo è per i successivi giorni (compreso oggi) i sintomi nn sono scomparsi in questi 4 giorni continuo ad avvertire vari bruciori sul lato sinistro per lo più che ogni tanto si irradiano al braccio sinistro e alla spalla(sempre di lieve intensità e di breve durata) senso di pesantezza al petto e anche alla parte destra del torace. La tachicardia è ricomparsa ieri perché ho avuto una giornata pesante ma stamattina non è presente, inoltre il battito è irregolare. Ricordo che due mesi fa per quegli episodi in estate feci una visita cardiologica con ecg risultata perfetta. A livello respiratorio mi sono capitati episodi in cui ho avvertito un po di difficoltà ma forse dovuti più allo spavento che ad altro. Ah riferisco anche acufene da parecchio tempo in maniera non continua. Sinceramente sto continuando a svolgere tutte le attività quotidiane cercando di non pensarci ma mi risulta difficile soprattutto dopo questo episodio di attività fisica.vi chiedo se c'è da preoccuparsi dell accaduto e se devo rivolgermi di nuovo al cardiologo oppure aspettare che passino i sintomi e riprendere l'attività fisica. Grazie della risposta.
[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non c'è nulla di cui preoccuparsi...se non dell'ansia che comunque trapela dalle sue parole...
Si tranquillizzi
Saluti
[#2] dopo  
Utente 387XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio per la tempestiva risposta e per il servizio che offre. Mi auguro che con la ripresa dell'attività fisica non compaiano più questi sintomi o comunque cercherò di farmi passare quest'ansia che non mi spiego perchè davvero fino a poco tempo fa sono sempre stato spensierato e mai ansioso e ho praticato attività fisica senza mai avere problemi(tutto è cominciato qualche tempo dopo la rottura del ginocchio e l'immobilità prolungata). Le chiedo come ultima cosa se oltre all'attività fisica c'è qualcosa che potrebbe giovare a far si che superi a pieno questa situazione.