Utente 835XXX
per essere precisa sono allergica alla beta-lattoglobulina, ho smesso di assumere latte e derivati sotto consiglio medico.
da quando ho smesso la mia defecazione è giornaliera ma di consistenza acquosa, molto maleoodorante e giallastra, può dipendere dall'astensione da latte?
e cosa hanno in comune per essere esclusi la carne bovina e la mela dalla dieta al latte?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile paziente,
Generalmente la prognosi dell'allergia al latte è buona. In circa il 90% dei casi, infatti, i pazienti con tale allergia acquisiscono una tolleranza immunologica per tale alimento intorno ai 10 anni di età a patto che abbiamo seguito una dieta rigorosamente priva di latte.
Devo presumere che lei non abbia raggiunto questa tolleranza e ciò sia stato dimostrato nel tempo con dosaggi delle IgE specifiche, ripetuti test cutanei, ed, infine, in caso di dubbi, con un test di provocazione (ovvero la somministrazione dell'alimento in doppio cieco contro placebo con comparsa dei sintomi). Se non fosse stato seguito questo iter diagnostico, lei non può essere definita allergica al latte o a qualcuna delle sue proteine costituenti.
L'allergia alimentare, inoltre, dà problemi quando si assume l'alimento; l'astensione dall'assunzione dell'alimento rimane, a tutt'oggi un caposaldo della sua terapia. Escluderei, quindi, che l'astensione dal latte possa essere la causa dell'alterazione del suo alvo con un meccanismo di tipo allergico.
Le cross-reattività immunologiche, infine, tra le costituenti del latte e le proteine contenute in alcuni alimenti (carne di vitello ed agnello; la privazione della mela appare quanto meno singolare se la sua unica allergia è quella al latte!) vengono, di solito, dimostrate con i test allergometrici prima di intraprendere una privazione.
Cordiali saluti,

Dr. Nicola Verna

Lettura consigliata: http://verna.blog.tiscali.it//Allergie_alimentari__quali_sono_e_come_si_manifestano_1891524.shtml
[#2] dopo  
Utente 835XXX

Iscritto dal 2008
ho seguito tutto l'iter che mi ha detto il che è durato parecchi mesi.
l'ultima cosa è stata un prelievo di sangue per altre sostanze allergizzanti: dermatophagoides farinae, mix e pteronyssinus che hanno dato valori positivi al pricht test e al rast test.
puà essere uno di questi o tutti e tre a darmi quei problemi? e può essere questo il motivo dell'esclusione bovino e mela? grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Nicola Verna
44% attività
0% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Escluderei categoricamente che la sensibilizzazione agli acari della polvere (Dermatophagoides pteronissinus e farinae) possa essere causa dei disturbi intestinali. L'esclusione delle carni e della mela andrebbe fatta se ci sono positività dirette dei test per tali sostanze o una chiara correlazione tra la comparsa dei sintomi e la loro assunzione.
Cordiali saluti,

Dr. Nicola Verna