Utente 373XXX
Buona sera,
mio padre ha 70 anni, diabetico, iperteso portatore di defibrillatore sottocutaneo e al quale sono state sostituite nel 2014 due valvole cardiache con protesi meccaniche (fa pertanto uso di anticoagulanti).
Ora presenta da un anno un'ernia inguinale molto voluminosa e necessita a detta del chirurgo dell'intervento di riduzione.Nonostante si tratti di una operazione di routine mio padre è preoccupato e anche noi sugli eventuali rischi che un'operazione del genere può comunque avere su di un paziente con tutte le problematiche descritte.
Quali sono i reali rischi che si corrono? esiste un rischio mortale?
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Se possibile anestesia locale e sotituzione temporanea dell'anticoagulante con eparina a basso peso molecolare.Rischio minimo.Prego