Utente 399XXX
Dal 23 dicembre ho avuto un forte mal di denti che è poi sparito il 26. Il 29 sono andato dal dentista che mi ha detto che il dente è andato in necrosi e mi ha confermato di avere un nervo morto.
Mi ha pertanto proposto la terapia canalare e mi ha anche avvertito del rischio di infenzioni nel caso in cui non la facessi. Avro' il primo appuntamento il 15 gennaio.

Da ieri, 6 gennaio, sento che il dente a intermittenza ricomincia a pulsare, specialmente dopo che bevo del caffé. Non fa male ma ho come la sensazione di un lieve bruciore.
Al momento non prendo antibiotici ma faccio solo dei risciaqui con un liquido disinfettante che mi ha dato il dentista e mi sembra che queste pulsazioni finiscono.
Si puo' già parlare di ascesso? Se non si avverte dolore ma solo queste lievi pulsazioni è prudente per la salute del dente attendere il 15 o è meglio anticipare l'appuntamento?
[#1] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
per i sintomi che riferisce sarebbe opportuno anticipare l'appuntamento essendo possibile o un aumento delore o un eventuale ascesso.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Gentile Dottore,

Ho fatto ieri la devitalizzazione del dente (rimozione dei 3 nervi del 2 molare dal fondo) ed avrei una domanda. Puo' una tale terapia durare appena 20 minuti?

Fra 1 mese devo ritornare da questo dentista per il riempimento / ricostruzione e chiusura definitiva ma siccome mi è sembrato un po' sbrigativo pensavo di andare dal mio dentista di fiducia (dal quale finora non sono andato perche vivo all'estero).

E possibile che un dentista continui un lavoro di devitalizzazione gia iniziato da un altro collega?

Grazie e buona giornata
[#3] dopo  
Dr. Armando Ponzi
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Gentile paziente,
a scopo informativo, le dico che la terapia canalare si compone di tre stadi di cura:
-denervazione (in caso di presenza del 'nervo')
-Detersione e sagomatura dei canali radicolari
-Chiusura ermetica dei canali con gutta percha e cemento (preferibilmente a caldo)
Tutto deve essere eseguito sotto diga.
Se eseguito con strumenti meccanici, tenuto conto della difficoltà operativa di lavorare molto in fondo, i tempi minimi sono di almeno 1-2 ore (per persone esperte).
La terapia può essere continuata da altri previa rx iniziale e valutazione clinica.
Un secondo parere del suo dentista sarebbe utile per chiarire i suoi dubbbi.
[#4] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Grazie, molto gentile!
[#5] dopo  
Utente 399XXX

Iscritto dal 2016
Gentile Dottore,

Volevo ringraziarla ancora per il consiglio che mi ha dato di rivolgermi ad un altro dentista.
Da un confronto tra radiografie prima e dopo l'intervento, il mio dentista di fiducia mi ha mostrato che la devitilizzazione precedente non era stata fatta bene. In particolare, mi e stato spiegato che la fresa ha toccato le radici del dente e l'intervento e stato un po' "demolitivo" e cio anche a causa del fatto che l'apertura del dente non era stata fatta nel modo corretto.
Per fortuna non sono stati fatti danni irreversibili. Questo anche grazie al fatto di aver chiesto un secondo consulto in tempo, prima dell' otturazione definitiva.
Grazie ancora per il prezioso servizio che fornite.
D