Utente 304XXX
Buongiorno,

a mio figlio di 37 anni, soggetto allergico da maggio/giugno a settembre annualmente, che da anni assume antistaminici, 1 mese fa è stata diagnosticata l’asma.

L’allergologa gli ha prescritto una cura “d’attacco” per 6 mesi con:

Foster 100/6mcg 2 v/dì

Avendo contemporaneamente delle disfonie, oggi presumibilmente imputabili a reflusso gastroesofageo, e non potendo rintracciare l’allergologa che sarà disponibile solo a dicembre prox, il medico curante glielo ha sostituito con:

Symbicort 160/4,5mcg 2 v/dì

La mia domanda è:

Dovendo proseguire la cura per altri 5 mesi, secondo Lei, il farmaco sostitutivo è adeguato e intercambiabile con Foster? E anche il dosaggio?
Il dubbio ci è sorto, perché il medico curante è stato un po’ indeciso sulla scelta ....

Grazie mille per l'aiuto e cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Paolo Fancello
24% attività
8% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile utente , uno degli effetti collaterali della disfonia sono i farmaci inalatori con cortisoici usati per l'asma. I farmaci che sono stati prescritti sono entrambe idonei alla cura dell'ostruzione bronchiale, quello che bisogna cambiare è il modo di inalare i farmaci:
1) non usare polveri inalatorie, ma spray. Le polveri si depositano più facilmente sulle corde vocali, dando appunto la disfonia
1) quindi usare uno spray con distanziatore
2) sciacquare la bocca dopo ogni inalazione.
I distanziatori sono degli strumenti facilmente reperibili in farmacia facili da usare