Utente 414XXX
Cari dottori, vorrei chiedere un consiglio sulla mia vicenda di difficoltà di erezione. Ero ancora nella laurea triennale quando ho iniziato a avere le prime difficoltà a mantenere una buona erezione, ora ho finito la specialistica e non ho ancora sistemato il problema, ma anzi è peggiorato. Mi ero accorto che avevo sempre meno erezioni spontanee e mattutine e che avevo bisogno di una stimolazione sempre più energica per non perdere l'erezione (dita, sesso orale o schiacciamento del pene sul materasso mentre faccio i preliminari a lei). Per un po' non ho dato peso ma quando ho cominciato ad avere le prime defaillance con le ragazze (nonostante la voglia che avevo) mi sono fatto vedere da un urologo. Mi ha fatto l'ecografia dei reni, vescica e prostata e ha detto che da un punto di vista urologico andava tutto bene mentre in giovane età la problematica erettile era dovuta sicuramente all'ansia da prestazione. Mi ha detto non mi faceva il doppler perchè può esserci un rischio di priapismo, quindi mi ha indirizzato da una psicoterapeuta.

Io ho insistito allo stesso per approfondire con l'esame e allora abbiamo fissato una visita. Sembrava titubante il dottore perchè aveva paura che potessi avere un'erezione prolungata e quindi non mi ha iniettato la quantità completa di vasoattivo. Ho avuto una mezza erezione però il valore misurato era circa 50 e quindi il dottore ha detto che andava bene perchè era sopra a 35. Durante l'esame però si era accorto che il mio pene punta a destra, se dritto fosse nord, il mio punta a nord-est, a partire dall'attaccatura. Non avevo mai dato importanza a questo fatto ma lui ha voluto aggiungere un'ecografia peniena seduta stante, quindi ho dovuto pagare anche questa prestazione. Morale, il mio pene è curvo perchè i corpi cavernosi a destra si sono sviluppati meno di quelli a sinistra.

Mi decido allora a iniziare la psicoterapia, durata due mesi, ma che non mi ha dato nessun miglioramento. Per fortuna per il momento l'urologo mi aveva prescritto il cialis 20 mg al bisogno con cui ho delle ottime erezioni, in modo semplice e naturale e spontaneo e riesco a mantenerle per poter fare tutti i cambi di posizioni che servono, senza doversi fermare ogni volta per farla tornare.

Adesso sto continuando a usare il cialis con una vita sessuale adeguata, anche se a 25 anni non è il massimo prendere ogni volta la pastiglia dovere ogni volta programmare il rapporto in funzione del cialis. Però sto cominciando ad avere qualche dubbio che magari sia stato visitato con poca attenzione e che le conclusioni non siano corrette. C'è stato qualche sporadico episodio (2/3 volte all'anno max) che magari litigavo con la ragazza e li mi accorgevo si che non ero nello stato emotivo giusto per fare sesso, ma di solito ho sempre un buon desiderio e nonostante la compagnia di ragazze che mi piacciono molto è sempre molto difficile, nonostante la voglia, tenere l'erezione (a meno di non usare cialis) (idem nella masturbazione)

Che fare Dottori?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente
Se il medico che l'ha visitata non l'ha soddisfatta, è bene sentire un altro parere. Dalla mia postazione è difficile dare consigli e fare ipotesi. Potrebbe casomai fare degli esami ematici di inquadramento ormonale,se non lo ha già fatto... Se l'ecodoppler va bene e gli esami ematici sono ok, sarà complicato trovare la giusta strada. Sarebbe utile comprendere se tutto ha un'origine psicologica...A presto
[#2] dopo  
Utente 414XXX

Iscritto dal 2016
Gli ormoni vanno bene. Ho fatto per due mesi di fila e poi anche per un altro mese psicoterapia, ma non è cambiato nulla. Ovviamente adesso non è che sto bene, dopo 3 anni a buttare soldi di qua e di la, senza risolvere nulla.

Come può essere andato bene l'ecodoppler (durato si e no 6-7 minuti) se non ho avuto l'erezione se non breve e incompleta? Perchè nonostante l'elevato afflusso di sangue dalle arterie (che immagino significhi che il farmaco abbia fatto effetto) l'erezione non c'è stata?



[#3] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Deve affidarsi ad un bravo andrologo. Inutile al momento ripetere l'ecocolordoppler penieno...Un bravo andrologo dovrebbe saperla aiutare e indirizzarla per la strada giusta. Mi faccia sapere