Utente 106XXX
Buongiorno a tutti

Sono cardiopatico da quattro anni, nel 2012 avevo una gravissima forma di cardiopatia dilatativa e la FE è precipitata al 14% e poi a forza di terapia farmacologica è risalita al 58% (tre anni fa). All'epoca avevo 40 anni, oggi ne ho 44. Sono un po' sovrappeso.
Due anni fa non mi scrissero il valore, mi dissero solo a voce che la FE era al 59% e che dovervo tornare dopo due anni.
Oggi è risultata essere al 46%.
Dall'ecocardiogramma risulta anche un blocco di branca sinistro, e la dottoressa ha detto che, in assenza di sintomi (un mese fa mi si sono gonfiati i piedi per un paio di giorni, il sinistro un po' e il destro appena appena, ma in assenza di altri sintomi è stato attribuito al caldo, eore a parte questo, e anche durante quei giorni, mi sono sentito e mi sento praticamente come da sano o come quando avevo il 58%, riesco a fare sei o sette piani di scale senza fermarmi e il fiatone inizia sempre fra il quarto e il quinto piano) è proprio questo blocco di branca a causare il problema, con il cuore che (a quanto ho capito) perde efficacia a causa della mancata sincronizzazione.
Da un lato mi ha detto che se il paziente sta bene (ed è il mio caso) non è il caso di fare niente se non tenere il tutto sotto osservazione. Dall'altro lato mi ha parlato di un pacemaker biventricolare da eventualmente impiantare. Vuole discuterne con altri colleghi ma mi ha detto di non preoccuparmi perché è pressoché sicuro che l'idea finale sarà di non fare niente e limitarsi a osservare. Confesso di essere rimasto alquanto scioccato, e così vorrei chiedere anche a voi se un BBS può davvero abbassare la FE e se questo può creare tutti questi guai (o quali altri guai può creare), e soprattutto se può aggravarsi, se viene un po' sì e un po' no o se viene sempre... insomma cosa mi posso aspettare che accada...

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il blocco di branca sinistra provoca una asincronia della contrazione dei due ventricoli il che comporta una seppur modesta perdita dalla EF, del tutto trascurabile se un paziente ha una EF del 60% , ma che puo diventare significativa se lo stesso paziente avesse una frazione di eiezione ridotta come nel suo caso.
Non so per quale motivo lei abbia una EF cosi' ridotta(pregressa miocardite? cardiomiopatia? valvulopatia? cardiopatia ischemica) dal m omento che lei non ci ha fornito dati a sufficienz.
Ad ogni buon conto la terapia antiscompenso prevede:
- riposo
- attivita' fisica moderata ma costante (camminare e non fare 7 piani di scale,,,)
- abolizione del sale aggiunto nella dieta,
- bere almeno 1, 5 litri di acqua
- abolizione del fumo attivo e passivo
E poi la terapia farmacologica a base di ACE inibitori, diuretici dell'ansa accompagnati da antialdosteronici, nitrati ed antiaggreganti (o anticoagulanti se i volumi sono elevati o fosse presente f.a.)

La decisione di una resincronizzazione con uno stimolatore bicamerale dipende molto dall'aderenza del paziente alla terapia medica e comportamentale e dal risultato di essa.


Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2006
Buonasera.
Grazie per la risposta.

Le dò tutti i dati di cui dispongo:

1) Autunno 2011-Primavera 2012: Sintomi sempre più gravi di scompenso cardiaco (ma è stato scoperto solo a marzo 2012)
2) Marzo 2012: Insufficienza cardiaca con FE al 14%, causata da una miocardite (le cui tracce c'erano nella risonanza magnetica) e probabilmente aggravata da ipertensione essenziale (non si è sicuri), di cui sono affetto
3) Compensazione con farmaci (bisoprololo, ramipril, furosemide), la FE risale al 30% in aprile 2012, al 40% a fine giugno, al 48% in ottobre 2012, al 54% a marzo 2013 e al 58% nell'estate 2013. Il blocco di branca compare durante l'ECG da sforzo (e infatti l'hanno fermato in quel momento)
4) Maggio 2014, ulteriore controllo con ecografia, tutti i volumi risultano nella norma, il referto non riporta la FE ma a voce mi hanno detto 59%. Nelle conclusioni libere scrivono "FE nei limiti con bbs", e mi hanno detto che il bbs non era niente di preoccupante. Mi hanno detto di tornare dopo due anni
5) Luglio 2016, ecografia, FE al 46% con bbs. Il medico che mi ha fatto questa ecografia dice che, data l'assenza di sintomi, è il bbs ad abbassare così tanto la FE.

In questi due anni ammetto di aver condotto una vita stressante. La terapia è: al mattino Lasix 25 mg a giorni alterni, Bivis 5/20 mg e Congescor 10mg tutte le mattine. Tutti i pomeriggi Triatec 10 mg alle ore 16. Quest'ultimo (il Triatec) ammetto che a volte (soprattutto per via del mio lavoro) l'ho preso un po' più tardi, alle 20 o alle 22. Ma a parte dei lievissimi edemi alle caviglie per un paio di giorni all'esplosione del caldo (e data l'assenza di altri sintomi sono stati attribuiti al caldo) non ho mai avuto sintomo alcuno. Mi sono sentito sempre come "prima" (quando ero sano) e mi sono limitato negli sforzi fisici molto più per paura di fare dei danni che per effettiva incapacità di farli (gli sforzi, intendo).

E questo, purtroppo, per ora è tutto quello che so. Il referto dell'ecografia di oggi non ce l'ho perché la dottoressa ha voluto tenerlo per discutere il mio caso con un suo collega ed entrambi martedì ne parleranno con me (lei dice più per rassicurarmi che altro, perché mi ha visto alquanto scosso), ho potuto darci un'occhiata e ricordo solo che la FE era 46% e che c'erano delle dilatazioni "lievi" e "moderate", e le "conclusioni libere" erano "FE ridotta probabilmente a causa di BBS".

La ringrazio ancora.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No avendo eseguito una coronarografia penso che si siano orientati vsrso una cardiomiopatia dilatafiva post miocarditica.
mi pade che lamsua terapia dia insifficiente come le ho gia scritto ma evidentemente i medici che lamconosco o certo meglio dj me avranno i loro buoni motivi.
si ricordi deu suggerimenti di vita che le hondsto..riposo, niente sale molta acqua.
ovviamnete riduca ilpeso.
é questione di vita, non di estetica

arrivederci
cecchini
[#4] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno dottore
torno a disturbarla per un nuovo referto. Mi hanno rifatto l'ecografia e stavolta il blocco di branca non c'era. Stavolta invece ero così in ansia che, da sdraiato, avevo la frequenza cardiaca a 104 (due giorni fa, da sdraiato ma senza dover fare l'ecografia, era a 55 e un minuto fa, in piedi ma con l'esame già fatto, era 78). Hanno trovato una EF al 47% e hanno detto che senza tachicardia sarebbe stata oltre il 50% perché la FE viene "inficiata" dalla tachicardia, inoltre nel referto c'era scritto "Pattern transmitralico monofasico per tachicardia". È proprio quest che vorrei chiederle. Che cosa vuol dire "pattern trasmitralico monofasico"?
La ringrazio davvero tanto
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Sono dettagli irrilevanti
Arrivederci

Cecchini
[#6] dopo  
Utente 106XXX

Iscritto dal 2006
Grazie mille dottore.