Utente 337XXX
Circa 20 giorni fa mi sono sottoposto ad esami immunologici a seguito di un amilasi salivare risultata alta in base a delle analisi ematochimiche fatte in precedenza. Tra l'ltro poi mi sono sottoposto anche ad una scintigrafia salivare risultata ok. Gli esami immuniologici prescritti dallo specialista di medicina interna sono risultati tutti ok tranne c1q per via classica che e' risultata 121 mentre i valori di intervallo oscillano tra 125 e 190 quindi 121 leggermente sotto la media. Lo specialista mi ha detto che non e' niente di grave visto che gòi altri dati sono tutti negativi compreso il fattore reumatoide=10 mentre i valori di intervallo vanno da 0 a 15. Mi ha deto solo di fare controlli a cadenza annuale e stare tranquillo. Ma quello che mi chiedo io e' perché fare controlli a cadenza annuale se va tutto bene visto l'eta che ho cioe' 35 anni. Non e' detto che dietro si nasconde qualce malattia di tipo immunitariavisto il c1q leggermente sotto il valore minimo seppure di poco e il fattore reumatoide che non e' proprio zero. Lui dice che puo' capitare ed e' relativamente frequente trovare valori cosi' ma io non sono proprio convinto. E' per questo che ho chiesto un consulto supplementare da voi. Fatemi sapere grazie per me e' importantissimo.
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Guardi il C1q, che attiva la via classica, ai valori che le hanno riscontrato non desta proprio nessuna preoccupazione.
Il collega è stato semplicemente scrupoloso dicendole di ripetere a cadenza annuale gli esami ematochimici e assumendo un atteggiamento professionalmente serio e corretto.
Se poi lei si fa venire le paranoie perchè ha 10 e non zero di RF non è colpa del collega.
Se il range di RF del suo laboratorio si estente da 0 a 15 avere zero o avere 10 o avere 12 significa comunque che il suo fattore reumatoide è negativo.
Quindi si tranquillizzi anche perchè una amilasi salivare elevata può essere la conseguenza di eventi banalissimi.
Saluti,
Dott. Caldarola.