Utente 362XXX
Salve Dottori
mia madre è stata ricoverata per un valore di D-dimero alto e transaminasi leggermente aumentate.
Nella occasione pensavano a una colestasi intraepatica ma fatti tutti gli accertamenti possibili (tac addome e torace, risonanza,ecocardio,doppler arti inferiori, eco addome e transvaginale,egds e colonscopia) non è risultato nulla solo che i marker tumorali risultano alti in questo senso:

CEA 18,8
CA 19-9 173,9
CA 125 312,2

PREMETTO che è una fumatrice.
Mi chiedo come mai?
Grazie a chi potra rispondermi.
Cordialmente

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
8% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Premesso che i Markers tumorali non si usano per fare diagnosi ma solo nel follow up di neoplasie,
- il Ca 19.9 a volte provoca dei gravi spaventi ma poi non è correlato a nessun tumore.
-Il CEA nei fumatori è notoriamente aumentato tanto più quanto più fumimo.
Del resto la TC Total body con mdc ha escluso ogni patologia.
-Un discorso diverso merita il Ca 125 che ha una altissima sensibilità ma una bassa specificità.
Sebbene possa aumentare in tutte le infiammazione dei tessuti mesoteliali (peritoneo, pleura, in corso di perivisceriti ecc) ricordo che spesso segnala la presenza di un tumore epiteliale ovarico quando ancora non sia visibile alla stessa eco TSV.
Per cui considerato il valore alto (il max è 35), è bene che beneficiando della vostra localizzazione geografica portiate la mamma al centro di riferimento nazionale per il Cr Ovarico che si trova presso lo IEO di Milano in Ginecologia oncologica.
La Prof.ssa Nicoletta Colombo, eccellenza nella terapia dei tumori ovarici, potrà darvi preziose indicazioni sia relativamente ad ulteriori accertamenti diagnostici (PET/TC ad esempio) sia riguardo all'eventuale atteggiamento d'attesa e di sorveglianza del marcatore.
Facciano sapere notizie, se vogliono.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.