Utente 430XXX
buongiorno, a mio figlio di anni 10 e' stata diagnostica un dismetria di 1.95 cm cosigliandoci un plantarino di 1 cm ,la mia domanda e' questa : quali sono i centri specializzati in italia per poter far seguire mio figlio in futuro , poi essendo lui iscritto alla scuola calcio puo' contnuare a praticare questo sport? o deve necessariamente abbandonarlo e praticare altri sport? in futuro potra avere delle conseguenze a causa di questa dismetria?

ringraziandoVi anticipatamente per un vostro consiglio porgo distinti saluti
[#1] dopo  
Prof. Enrico Pelilli
20% attività
8% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
Ho bisogno di farle alcune domande:
1) il ragazzo ha dei sintomi (zoppica, lamenta dolore ecc...)?
2) la diagnosi è clinica (con la sola visita) o eseguita con Rx?
3) è una ipometria idiopatica o un'emipertrofia o emimelia?
[#2] dopo  
Utente 430XXX

Iscritto dal 2016
mio figlio non ha nessun sintomo, la diagnosi e' stata fatta in seguito a radiografie dalle quale si evince una differenza di 1.9 cm, pero' ci hanno detto che tenendo conto anche delle parti molle la differenza diventa di 2.5/3 cm, si tratta di una ipometria idiopatica, ci hanno anche consigliato di effettuare un intervento di rallentamento della crescita dell'arto piu' lungo entro un anno al massimo. lui compie 10 anni a febbraio 2017.
[#3] dopo  
Prof. Enrico Pelilli
20% attività
8% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2016
Il fatto che sia asintomatico, significa che è perfettamente adattato alla dismetria, che va considerata patologica se supera i cm. 2, con zoppia, e necessita di una correzione chirurgica dai cm 3 in poi.
Questo perché recenti studi sulle popolazioni hanno dimostrato che la dismetria è la norma (oltre il 95%) e non vi è relazione con scoliosi o altri problemi della colonna.
Mi riesce difficile comprendere in cosa consista l'ulteriore dismetria da parti molli.
Nel caso del ragazzo non ha senso allontanarlo dell'attività sportiva perché è da considerare, a tutti gli effetti un soggetto sano.
Per l'uso della soletta di cm 1, è a discrezione del ragazzo, che potrà usarla se camminare con essa è più confortevole.
Prudenzialmente consiglierei solo controlli clinici semestrali, per valutare l'evoluzione.